Apprendiamo dagli organi di informazione che il Sindaco dichiara che nei prossimi giorni dovrebbe entrare in funzione a Scafati, nell’ex Polverificio Borbonico, in via Pasquale Vitiello l’USCA ovvero l’Unita’ Speciale di Continuità Assistenziale. Finalmente ci viene da dire. Lo stiamo chiedendo da Aprile, e poi a più riprese abbiamo sollecitato ASL ed AMMINISTRAZIONE COMUNALE, con note ed interrogazioni.
L’Amministrazione finalmente ha trovato i locali e l’asl i medici, dopo sette mesi, tutto in grave ritardo.

Oramai non si contano più le segnalazioni di tamponi non fatti per tempo, di cittadini domiciliati, sintomatici ed asintomatici, privi di qualsiasi assistenza domiciliare e supporto socio-sanitario, se non telefonico del proprio medico di base.

Nel frattempo sono diventati un mistero i tamponi dello screening richiesto dall’Amministrazione Comunale ed effettuato sabato 24 Ottobre per circa 100 persone nei locali di via Armando Diaz.
I soggetti sottoposti al tampone, cosa gravissima, non conoscono i risultati dopo ben 8 (otto) giorni.
Sarebbe ancor più grave se i risultati fossero stati resi noti solo ad alcuni, come si vocifera.

Michele Russo
Consigliere Comunale