0 Condivisioni

La guerra è mostruosa: la gente muore, soffre, famiglie intere vengono sconvolte. E io mi chiedo: quanti ricchi sono davvero coinvolti in questa tragedia?

Quante famiglie ricche subiscono lutti, stupri, provano la fame, devono scappare terrorizzate davanti al nemico insieme alle migliaia di persone di media agiatezza o addirittura povertà? Reputo: ben pochi! I ricchi provocano le guerre, i poveri le combattono e ne subiscono le conseguenze… E muoiono. È così: è sempre stato così e sarà sempre così. Di più: la ricchezza è ormai talmente concentrata in poche mani che anche le guerre sono gestite da questi padroni del mondo: i governi li tutelano e ne proteggono gli interessi. Il mondo e’ guasto! A “ Piazza pulita” sono stati pubblicati per la prima volta i dati di una ricerca tesa a sapere che cosa ne pensassero gli italiani, in merito all’invio di armi in Ucraina. Contrari: 43,6. Favorevoli : 36,5. Non hanno un’opinione: 19,9% Conclusioni: gli italiani in maggioranza non vogliono che si mandino armi all’Ucraina.

Quale partito rappresenta meglio questa volontà del popolo? Nessuno! Il governo decide: i partiti( divisi tra quelli che sono accesi fautori della guerra e quelli che titubano), alla fine si accodano e approvano. E’ la volontà degli USA: e nessun uomo di governo, tranne Craxi a Sigonella, si è mai opposto alla volontà degli americani. E così: siamo privi anche di uno straccio di politica estera: servili e proni, niente altro. L’Ucraina va aiutata: non vi è alcun dubbio. Ma fino a che punto?
Anche fino alla terza guerra mondiale? Fino ad un conflitto nucleare ormai citato già ben tre volte in tre paesi diversi? L’Inghilterra, la Russia e gli USA? L’esperienza e la storia purtroppo non insegnano nulla, nulla! Nel 1914, la prima guerra mondiale non la voleva nessuno. Ribadisco: nessuno.
Dopo l’attentato di Serajevo , iniziò un lungo lavorio diplomatico: l’Austria accusò la Serbia, la Serbia chiese aiuto alla Russia, sua alleata, la Russia allora minaccio’ l’Austria che si rivolse al suo alleato storico, la Prussia, che minaccio’ la Russia: quest’ultima era alleata con la Francia e l’Inghilterra, che a loro volta minacciarono la Prussia. Nessuno di questi Stati immaginava minimamente in quale baratro stessero per precipitare: nessuno però retrocedette di un passo e il disastro divenne inevitabile: la guerra, la prima guerra mondiale , quasi 70 milioni di morti e rovine e distruzioni in tutta Europa,Ma l’umanità nonostante l’idiozia di quel conflitto, sopravvisse. Oggi non sarà così. Si parla di bombe nucleari tattiche, capaci di distruggere un’intera città in un solo colpo ma che non segnerebbero l’estinzione dell’umanità.
Balle: da queste “ bombe nucleari tattiche” il passo successivo, alle bombe nucleari da migliaia di megatoni, sarà inevitabile. Ne serviranno una cinquantina, non di più. E l’estinzione della vita sul pianeta sarà compiuta.“ Andremo tutti in Paradiso”. Così si è espresso un opinionista russo.
Beh, io non credo all’esistenza del Paradiso, E se pur fosse, non voglio andarci. Ritrovare anche lì questa massa di scellerati guerrafondai equamente distribuiti in Russia, USA e Unghilterra in primis, mi provoca disgusto e disprezzo.Data l’età, non è che abbia ancora un lungo tratto di vita davanti a me.Ma interromperlo così, ex abrupto per colpa di questi pazzi…NO! Decisamente NO!
0 Condivisioni