Turismo, vacanze natalizie al top in Campania, in attesa del botto di Capodanno

0
147

TURISMO: VACANZE AL VIA, PER LA SETTIMANA DI NATALE e PREVISIONI TOP PER CAPODANNO – BOOM DEL SETTORE EXTRALBERGHIERO, SOGGIORNO NELLA NOSTRA REGIONE PER TANTI ITALIANI E STRANIERI. CRESCE LA SPESA MEDIA TURISTICA E AUMENTA L’APPEAL DI NAPOLI, SALERNO, ISOLE E E LE DUE COSTIERE. IN AREA IRPINA E SANNIO PREDOMINANO ITALIANI E IL TURISMO DI IDENTITA’ – LOW COST E LAST MINUTE PREVALENTI, SCELGONO LA NOSTRA REGIONE ONLINE IL 70% DEGLI INTERVISTATI, NAPOLI CITTA’ LOW COST

 
Il calendario favorevole aiuta il turismo in Campania – lo confermano le rilevazioni dell’Osservatorio turistico Abbac che ha effettuato linterviste ad operatori e ricerche in vista delle festività natalizie. Mete culturali ed esperienziali come le due Costiere Amalfitana e Sorrentina, le isole e Napoli, Salerno, tra le più ambite tra i viaggiatori che perlopiù italiani ma anche tanti stranieri scelgono di passare qualche giorno nel nostro territorio regionale. Napoli e Salerno come per le isole e le Costiere tra le più cliccate online. Prevale il low cost e il last minute,ed aumenta la prenotazione online delle strutture ricettive. E’ boom della soluzione indipendente come monolocali e camere in locazioni, in Campania si supera il dato nazionale sfiorando anche oltre il 30% della richiesta di locazioni turistiche e nelle altre tipologie ricettive come bed and breakfast, affittacamere e case vacanze. Agostino Ingenito, presidente Abbac e coordinatore nazionale extralberghiero: “Dati che danno ormai la chiarezza di un turismo consolidato e in crescita, occorre potenziare i servizi e qualificare l’offerta, contrastando abusivismo e pressapochismo e puntando a reti territoriali”
 
In vacanza, alla riscoperta delle bellezze della Campania. Sono tanti gli italiani che stanno scegliendo le nostre destinazioni turistiche e culturali. Tanti i nostri connazionali che stanno cercando soluzioni a buon mercato per Napoli, già al 95% di prenotazioni registrate per il periodo da oggi fino al 28 dicembre. Salerno è scelta al pari del capoluogo e non mancano richieste di prenotazioni ormai in via di conferma anche per il Capodanno che segneranno probabilmente l’overbooking per le stesse due maggiori città della regione, isole di Capri e Ischia, Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana. Questo fine settimana scelte anche mete delle aree interne come il Sannio e l’Irpinia. “Sono segnali molto incoraggianti che testimoniano ormai una costante di crescita per l’appeal regionale, se sono tanti gli italiani che preferiscono la montagna, altrettanti trascorreranno qualche giorno nella nostra Campania – dichiara il presidente Abbac Agostino Ingenito – Il nostro settore extralberghiero è sempre più preferito dagli italiani come degli stranieri che prima dei nostri connazionali ne hanno apprezzato formula di ospitalità e di accoglienza. Resta ancora molto da fare e mentre ancora non è chiara la scelta compiuta dal Governo in merito alle locazioni brevi e il rapporto con i portali internazionali ota, appare evidente trovare soluzioni concrete per contrastare il dilagante abusivismo che sta interessando le nostre maggiori città e destinazioni turistiche mature. L’auspicio è che la Regione si occupi maggiormente dell’organizzazione turistica ed individui come già avviato un lavoro di sinergie per accompagnare questo importante fenomeno che sta difatti potenziando la destagionalizzazione, con la proposta di territori fino a qualche anno fa impensabili destinazioni turistiche ma oggi significativi aggregatori nelle aree continue al Napoli, Salerno e piattaforme per escursioni e soggiorni brevi sulle isole e nelle due Costiere. “Occorre – conclude Agostino Ingenito – cogliere tutte queste opportunità che il mercato sta offrendo, con il considerevole aumento di sbarchi con voli low cost per fare scelte più coraggiose da parte della nostra Regione e che ci consentano di garantire equilibri e sviluppo turistico sostenibile. Una sfida che la Campania può vincere se va oltre l’individualismo e punta ad una condivisa programmazione che tenga conto di trasporto pubblico adeguato per gli importanti flussi, servizi di accoglienza e infrastrutture”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here