Tre giorni di operazioni di controllo straordinario del territorio nella cosiddetta Terra dei fuochi.

0
305

In campo 99 equipaggi, per un totale di 259 unità tra esponenti dell’Esercito, della polizia, dei carabinieri, della polizia provinciale, della polizia metropolitana di Napoli, della Guardia di finanza e del personale Arpac e Asl. Le operazioni, eseguite ad Afragola, Caivano, Caserta e nei presidi operativi dedicati di Napoli, Giugliano in Campania, Nola, Castel Volturno, Maddaloni, Marcianise e Mondragone sono state disposte dall’incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi in Campania, Gerlando Iorio. A supporto delle attività di pattugliamento a terra è stato impiegato un velivolo del Cnr-Isaform. Nel corso delle iniziative che hanno interessato il Casertano, è stata data attuazione, per la prima volta, all’accordo per l’esercizio congiunto delle attività della polizia metropolitana e della polizia provinciale di Caserta per il contrasto al fenomeno degli abbandoni e degli incendi dolosi di rifiuti, firmato lo scorso 3 maggio. Sono stati controllati tre terreni e 16 attività imprenditoriali e commerciali attive nel settore dello stoccaggio di rifiuti, dei servizi ambientali, tessile e meccanico; 13 sono state sequestrate. Sono state controllate 80 persone, delle quali 16 denunciate all’autorità giudiziaria; 36 sono stati i veicoli controllati. Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per circa 60mila euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here