0 Condivisioni
Ti sorprendi mai a pensare a cosa significhi attraversare una guerra?
in un modo non astratto. In termini pratici, la guerra è: ti svegli una mattina e quasi tutto è sparito. Non c’è un senso. È andato. Un giorno sei un dentista o un insegnante, quello dopo stai cercando di decidere quali documenti e foto di famiglia mettere nella tua unica borsa, il terzo sei rannicchiato su una fragile barca nel mezzo di una tempesta sperando che non ti farà tornare indietro. Questa merda è così intensa. La guerra è spazzatura. Una delle battute più suggestive che abbia mai letto sulla guerra è qualcosa del tipo “ai bambini piacevano le giornate nuvolose, erano le migliori perché in quei giorni non piovevano bombe dal cielo”. Come se anche il tuo rapporto con il cielo fosse cambiato per sempre. A volte vedo persone che pontificano sulla guerra come se fosse un gioco astratto e non questa rottura profonda e devastante e mi rattrista. La guerra non accade ai paesi o alle strategie. La guerra accade alle persone. E penso che mentre parliamo, dobbiamo continuare a ricordarcelo.
Nanjala Nyabola- Scrittrice, analista politica, avvocata
0 Condivisioni