0 Condivisioni
In periodi in cui l’informazione è pilotata in maniera plateale può accedere di tutto e, ovviamente, accade di tutto. Marco Travaglio riporta alcune “chicche” che sono accadute negli Stati Uniti, a Kiev, dove qualcuno potrebbe giustificare gli accadimenti con la guerra, in Spagna ed in Italia dove anche se non c’è la guerra dichiarata apertamente c’è quella non dichiarata ma ugualmente in atto. E gli attacchi, neanche a dirlo, sono alla comunicazione ed a chi non condivide quella ufficiale.
IL FRONTE DEI BUONI » Marco Travaglio – Il Fatto – 06.05.2022
Washington. Appena nominata dall’amico Biden direttrice del Disinformation Governance Board del Dipartimento per la sicurezza interna Usa, una sorta di Ministero della Verità, Nina Jankowicz dichiara: “La derisione online di Kamala Harris è una minaccia per la sicurezza nazionale”. Chiunque prenda in giro sul web con battute, memee sberleffi la vicepresidente Usa è un terrorista.
Kiev. Dopo aver messo fuori legge 11 partiti di opposizione, imposto alle tv ucraine di trasmettere a reti unificate come un solo canale filogovernativo e postato su Instagram la foto in manette di Viktor Medvedchuk, capo del partito Piattaforma di Opposizione per la Vita arrestato dalla sua intelligence, il presidente Volodymyr Zelensky ha sguinzagliato il suo Servizio di sicurezza (Sbu) a rastrellare casa per casa gli ucraini che postano sui social frasi pro Russia: grazie a un emendamento alla legge marziale, essi possono essere arrestati per 30 giorni per collaborazionismo su semplici sospetti, senza neppure un mandato del giudice (solo a Kharkiv è capitato a 400 persone in due mesi). Se poi vengono accusati pure di terrorismo (merce tutt’altro che rara, in tempo di guerra e di propaganda), il loro avvocato difensore può essere tenuto all’oscuro di tutto.
Madrid. La polizia spagnola ha arrestato il giornalista investigativo, blogger e dissidente ucraino Anatoly Shariy, l’ “Assange di Kiev”, su richiesta degli 007 di Zelensky, con le accuse di tradimento, odio, attentato alla sicurezza nazionale e intelligenza con forze straniere. Pluripremiato all’estero per le sue inchieste sulla corruzione e la povertà in Ucraina, dov’è da anni perseguitato con querele temerarie e minacce di morte, Shariy aveva ottenuto asilo politico dall’Ue e viveva in Olanda. Ora potrà essere estradato a Kiev, dove fonti governative commentano: “Il suo arresto è un’altra prova che i traditori presto o tardi saranno puniti”.
Roma. Mentre la commissione di Vigilanza e persino il Copasir diventano tribunali politici per vietare le tv a chi non la pensa come Biden&Johnson, dunque come Draghi&Letta, la Stampa spiega in un’intera pagina che il docente universitario Alessandro Orsini “non ha titoli accademici per parlare del conflitto” in Ucraina perché ha la cattedra di Sociologia e non di Guerrologia e Ucrainologia e perché tre o quattro colleghi rosiconi non sopportano che vada in tv e loro no. Invece il direttore Giannini e tutti gli editorialisti della Stampa (tipo Nathalie Tocci, che insegna ai benzinai e ai trivellatori dell’Eni) discettano di guerra in Ucraina senza una cattedra né uno sgabello, neppure di Agraria. Dalle democrazie liberali per ora è tutto, linea alle dittature.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "DIEGO DIEGOBIANCHI BIANCHI PROPAGAND PROPAGANDALIVE ANDA ALIVE PROPAL THAPOCO THA POCO HP"
0 Condivisioni