Teatro, “La Locandina” mette in scena , dal 9 febbraio, Pirandello, con la favola giocosa e al contempo amara Liolà

0
222

La compagnia del piccolo teatro di Via Cauciello a Pagani dimostra la sua versatilità ed in linea con il percorso intrapreso da alcuni anni offre al pubblico, sempre più numeroso, occasioni di sano divertimento e di riflessione sull’esistenza e le sue contraddizioni. È così dopo alcune emblematiche commedie dei De Filippo, è ora la volta di Pirandello. Si debutta sabato 9 febbraio e si continua il 16 e 23 febbraio e sabato 2 marzo alle 21; domenica 10 febbraio con repliche il 17, 24 febbraio e domenica 3 marzo alle 18:30. La regia è di Tonino De Vivo. Quella commedia fu scritta da Pirandello in un periodo assai triste della sua vita per le tante vicissitudini familiari vissute, il periodo della grande guerra, la pazzia della moglie, la morte della madre è quella del figlio Stefano inviato in guerra e caduto. Eppure questa favola giocosa ed al contempo amara e anche spietata, scritta prima in dialetto agrigentino e poi in italiano, da anche spazio alla compassione. Forse la spensieratezza del contadino Nico Schillaci detto Liolà riesce ad abbattere tante ipocrisie e sistemi sociali della Sicilia di quel tempo ma che sembrano ancora attuali in alcuni contesti territoriali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here