Il primo squillo della partita è della Tivoli. La formazione ospite crea sulla sinistra. Il traversone di Pompei viene colto da Mastropietro che si fa ipnotizzare da Bellarosa. Successivamente è l’Angri a rendersi pericoloso, ma non è incisivo. Dal 26′ al 30′ è il Varsi moment. Il numero 7 doriano è protagonista di due discese sulla fascia destra. Le due conclusioni, peró, hanno la stessa sorte, ovvero, terminano entrambe sul fondo. La Tivoli spaventa ancora l’Angri nel finale del primo tempo. Un’azione prolungata della formazione amaranto porta Mastropietro innanzi a Bellarosa. Il numero 10 realizza, ma al momento a conclusione viene colto in offside. L’Angri si spinge in avanti, ma non crea pericoli. Si va al riposo, dunque sullo 0-0.

Nel secondo tempo la Tivoli si presenta con grande intensità. L’Angri tiene botta e prova a creare qualche pericolo alla retroguardia laziale. La squadra di Sanchez pecca di lucidità. Infatti, alla compagine grigiorossa manca solo l’ultimo passaggio che per imprecisione e merito degli avversari. Mastropietro continua a creare pericoli, ma Bellarosa resta molto attento. Al 56′ Sanchez manda in campo Leone al posto di Vitiello. L’ingresso del centrocampista concede all’Angri una maggiore fisicità al centrocampo. Cassata, entrato al posto di Barone, dà maggiore spinta alla compagine grigiorossa, che, però, continua a mancare la via del gol. Al 72′ entra in campo Fiore al posto di De Rosa. Sarà proprio il classe 2004 a rivelarsi la mossa vincente. Il numero 28, infatti, si inserisce in area e trafigge Trovato, trovando così il gol del vantaggio.  La Tivoli non si arrende e prova più volte ad agguantare il pari. Dopo 5 minuti di recupero il signor Zini pone fine alle ostilità.