Farmacie, dall’opposizione la voce di Teresa  Formisano: “Bando da rifare? Sulle farmacie solo incapacità amministrativa. Ci apprestiamo finalmente a votare il bilancio comunale e scopriamo dai giornali che addirittura il bando per la vendita delle farmacia, arrivato dopo tre anni dall’insediamento di questa amministrazione, sarebbe da rifare. Mi chiedo cosa riusciranno a raccontare nei documenti che ci consegneranno per convincerci a votare a fine agosto lo strumento più importante di una amministrazione? La Corte dei Conti è stata avvisata di tutto questo? Hanno prima regalato cinque farmacie al CFI, ritrovandosi in un mare di debiti, non hanno mai controllato i bilanci delle stesse, non hanno mai definito un accordo con il Consorzio che ne definisse il ruolo nella gestione e infine ma sono certa che non sarà l’epilogo, il bando è da rifare?
Questo era uno degli obiettivi che avevano inserito nel piano di riequilibrio, invece, oltre a non far entrare i soldi nelle casse del Comune sono riusciti a svalutare ulteriormente le farmacie, una risorse per il nostro Comune se gestite a dovere”. 

La consigliera comunale interviene anche sulla Rassegna Estiva. “Solo annunci, i cittadini sono stati abbandonati. In pompa magna e senza alcun merito, tra l’altro, questa amministrazione ci ha annunciato una favolosa rassegna estiva. Ovviamente dopo un paio di appuntamenti rubati a qualche associazione e facendoli passare per propri, il silenzio. Ancora una volta la discussione sulle poltrone ha avuto la priorità sulle esigenze della Città e ci ritroviamo in pieno agosto senza bilancio e senza eventi. A questo punto, credo, che neanche le associazioni che avevano dato la loro disponibilità ci credano più e che i cittadini che forse speravano in un po’ di vitalità si siano arresi all’inerzia. Intanto, i cittadini sono costretti ad andare altrove, nei comuni limitrofi per vivere qualche serata estiva all’insegna del sorriso, dell’aggregazione e della partecipazione.