Sabato 17 Settembre alle ore 20.00 prenderà il via la XXVI edizione della manifestazione “I Cortili della Storia”. Dopo due anni di stop, causa pandemia, torna l’evento principe della città di Sant’Egidio del Monte Albino, che richiama nella cittadina visitatori provenienti da tutta Italia.

Si tratta di una rievocazione di quella che poteva essere una “festa popolare” dell’antichità, articolata in momenti che vanno dal basso medioevo al secolo XVI. L’ambientazione della manifestazione, pertanto, ricrea momenti di vita di quel tempo, in modo che il visitatore possa compiere una sorta di viaggio nel tempo, tra l’atmosfera cortese dei cortili e l’allegria delle piazze in festa, tra banchetti e danze, cortei, musici ed artigiani che mostrano l’arte
degli antichi mestieri. Contemporaneamente, grazie ad uno scenario incantevole e suggestivo, fatto di palazzi e
corti settecentesche, di una monumentale Abbazia ed opere risalenti all’epoca romana, come la Fontana Helvius e l’Acquedotto Romano (che tra l’altro partecipa al censimento FAI – I Luoghi del Cuore edizione 2022), il turista assisterà ad esibizioni di acrobati, mangiafuoco, musici e cantori medioevali.

Saranno i cortili, però, ad accogliere i visitatori. In essi, figuranti in costumi d’epoca gli proporranno l’assaggio di alcune pietanze tipiche del posto, preparate secondo antiche ricette (come il fusillo sangiliano, la pasta di sciuanelle, lo spezzatino e ancora dolci agli agrumi). Tra le tante attività previste sarà possibile effettuare visite guidate all’interno dell’Abbazia di Santa Maria Maddalena in Armillis e assistere, nel cortile dei cunti – Giardino Pensile del Palazzo Abbaziale, alla rappresentazione teatrale “O’ Princepe Serpe”, a cura dei Cuntisti di Sangilio, con la regia di Antonio Avigliano.

Nella giornata di Domenica, inoltre, alle ore 17.30, da piazza Municipio partirà il corteo storico con oltre 100 figuranti. Il Corteo Storico e la Rievocazione dell’elezione del Sindaco particolare dell’antica Università
di Sant’Egidio rappresentano uno dei momenti di massima espressione culturale della manifestazione “I Cortili della Storia”. Si tratta della rievocazione in costume dell’ Elezione del Sindaco Particolare dell’antica Università di Sant’Egidio che si svolse ininterrottamente dagli inizi del 1500 al 1806, anno in cui per effetto della legge di abolizione della feudalità di Giuseppe Bonaparte, Re di Napoli, furono soppresse le Università e costituiti i Comuni.
La rievocazione prevede due momenti: 1) Il Saluto al rappresentane del governatore della Città di Nocera sul sagrato della Chiesa di Maria SS. Delle Grazie; 2) L’elezione e la proclamazione degli eletti sul sagrato dell’Abbazia di Santa Maria Maddalena.