“ Prufesso’ “ , mi fa.. “Nun perdite tiempe: ognuno ‘e nuie nasce cu na cannela..”. Chi l’ave cchiu ‘ longhe e chi l’ave cchiu’ corte “ Lo guardo con rinnovato interesse: è un vecchio amico di Capocasale che ho trovato qui nel cimitero, aggirandomi fra le nicchie e le tombe.
Mi parlava col voi già ai tempi della gioventù: non so perché, e continua a farlo.. Nel frattempo, dopo una pausa riprende … “ E quante ‘a cannela è fernute ce stutamme. Sta tutte cca’’a vita..” Continua a fissarmi: c’è il seguito..
“ Ma nun ce penzate: c’è sta chi ave sule nu mezzone ‘e cannela : Nun fa manche ‘a tiempe d’appiccia’ che già se stute!” Ha finito: mi guarda con aria quasi beffarda , come per dire: “ Avevi sotto gli occhi la soluzione e ti sei messo a perdere tempo vaneggiando tra libri e filosofia “.. Non so cosa rispondergli: quella e’ saggezza antica, che posso dire? Do’ un ultimo, lungo sguardo alla sua foto sulla nicchia e mi allontano. La sua candela si è consumata da tempo: Ie tenghe ancora nu mezzone da cunsuma ‘…