C’è preoccupazione per le condizioni di salute del minorenne che pare accompagnava Aniello Longobardi. Per il 18enne non c’e stato nulla da fare. Quel balzo di circa 20 metri è stato fatale a seguito dell’impatto con l’auto che stava attraversando Via Ugo Foscolo. Stando a chi ha seguirono il post incidente pare sia passato tanto  tempo intercorso per i rilievi delle autorità  e va ancora compresa la dinamica dell’incidente che lascia alcuni dubbi sulla velocità dei veicoli che si sono scontrati. Tre famiglie coinvolte . Dolore e rabbia per la famiglia di di Aniello Longobardi, un 18enne di belle  speranze  che ha perso la vita nel suo paese tra gli increduli occhi dei suoi amici e parenti . E intanto c’e preoccupazione per il minorenne che pare accompagnava Aniello. Altra famiglia che soffre in questo momento è anche quella di chi conduceva l’auto. La comunità è molto scossa , purtroppo incidenti simili si sono già verificato sul territorio con tanto dolore e sconforto. Sotto accusa sempre la mancata sicurezza de delle strade cittadine in gran parte di competenza provinciale . Via Foscolo è un altro strada molto trafficata ed e in gran parte un rettilineo che è utilizzato anche a volte perché gare pericolose Tra motociclisti . Il sindaco La Mura e il consigliere regionale Carpentieri hanno espresso vicinanza alle famiglie sui loro profili social. Si attende ora di conoscere quando il giudice disporrai il rilascio della salma  per consentire alla famiglia di celebrare i funerali del giovanissimo Aniello Longobardi