S.Anastasia, arrestato il sindaco, avrebbe intascato una mazzetta di 15mila euro

0
214

sindacosantanastasiaAgostino Ingenito. E’ stato accusato di corruzione il  sindaco di Sant’Anastasia, comune alle pendici del Vesuvio.  Carmine Esposito, eletto con il centro destra ma uscito dal Pdl tempo fa, è stato arrestato questa mattina in un bar vicino al Municipio dai carabinieri di Castello di Cisterna con l’accusa di corruzione. Il primo cittadino aveva ricevuto una mazzetta di 15mila euro da una ditta che si era aggiudicata nei mesi scorsi l’appalto per la raccolta dei rifiuti nel comune vesuviano. Un’accusa gravissima che sarebbe però suffragata da prove inconfutabili da parte degli inquirenti che ora hanno sottoposto il primo cittadino agli arresti. Una notizia che ha sconvolto non solo i cittadini del piccolo comune ma anche molti esponenti politici della regione. Carmine Esposito aveva militato per anni nel centrodestra ed era riuscito ad ottenere lo scranno più alto del municipio di Sant’Anastasia che per molti anni era stato feudo del centrosinistra. Ora la città potrebbe essere commissariata se i consiglieri intenderanno dimettersi o non sarà garantito il governo dell’amministrazione comunale da parte della giunta. Un segnale comunque inquietante, spetterà ora al sindaco difendersi dalla grave accusa che gli viene contestata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here