0 Condivisioni
 Valorizzare e promuovere, in conservatori nazionali ed internazionali e concerti, l’eccezionale “scuola napoletana”, che dalle rinascimentali villanelle, passando per il contrappunto di Longo e Napoli, al jazz e  alle nuove e tecnologiche sonorità, offre da sempre un contributo altissimo alla musica mondiale.  L’appello: “Non solo belle speranze ma supporto ed opportunità” per i giovani e valenti compositori ed esecutori musicali e del bel canto che, si sono esibiti sul meraviglioso palcoscenico dell’Auditorium Oscar Niemeyer, in occasione della Festa della Musica, organizzata dall’associazione Diabolus In Musica, diretta dal maestro Colomba Capriglione, in sinergia con l’Amministrazione comunale diretta dal Sindaco Paolo Wuillemier e con il sostegno di McDonald’s Salerno/Potenza diretta dal partner Luigi Snichelotto. Ravello conferma il suo ruolo di città mondiale della Musica e intende aprirsi ad ulteriori progetti che supportino le associazioni e i giovani professionisti che si diplomano in conservatori e che tentano una carriera spesso assai complicata – lo ha confermato il sindaco Paolo Wuillemier in occasione della Festa della Musica 2022 e alla presenza di un folto pubblico, anche online. E’ stato un successo l’evento musicale organizzato dall’associazione culturale “Diabolus in Musica”, diretta dal maestro Colomba Capriglione, docente di direzione di coro e composizione corale del conservatorio di Frosinone, che da quatto anno ininterrotamente, anche durante il difficile periodo della pandemia, ha organizzato la rassegna e il concorso internazionale di cori amatoriali e professionistici “Schola Cantorum”, coinvolgendo tanti allievi e giovani musicisti e cantanti. “Auspichiamo che, in sinergia con l’amministrazione, le istituzioni culturali e i privati, si rafforzino ulteriormente azioni a supporto dei talenti giovanili – ha dichiarato il Maestro – che, ha inteso consegnare targhe di riconoscimento al sindaco di Ravello, all’ex direttore del Conservatorio San Pietro a Majella Elsa Evangelista e al partner McDonald’s Salerno Potenza Luigi Snichelotto.
Applausi e richieste di bis per i diversi interventi musicali.  Molto interessanti gli approfondimenti offerti sulla musica rinascimentale dal maestro Alessandro De Simone, docente al conservatorio napoletano e nipote dell’etnoantropologo Roberto. Armoniosi gli arrangiamenti del flautista Adrianalfonso Pappalardo e il chitarrista Ivano Pagliuso, accompagnati, nel quintetto Thalia,   da Federico Maddaluno, al mandolino, Oscar Di Lorenzo, alla mandola e con gli interventi canori della mezzosoprano Emanuela de Rosa. Hanno stupito le variazioni proposte da Franco Paluzzi, Lorenzo Costantini, Rossella Marcone, su temi degli importanti maestri contrappuntistici Longo e Napoli ed eseguiti dall’ensemble composta da Gaia De Vittoris, al violoncello, Giulia Beltratto, al violino,  Emanuele Lo Bianco e Francesco Lombardi, al pianoforte e Antonio Jarell Saylors, al sax contralto. Eseguite anche due liriche, composte dal maestro Capriglione, su testi di Garcia Lorca e Pablo Neruda, con l’esecuzione della mezzosoprano Tonia Lucariello,  la soprano Elisa Cardinali, al pianoforte Federico Mileo e Francesco Lombardi e Miriam Borelli ed Arianna Bisceglia, ai flauti. Il pubblico ha ben gradito le esecuzioni del tango di Piazzolla e le sonorità jazz e pop, con arrangiamenti originali, del “Nut Trio Project” con il pianoforte di Federico Mileo, il contrabbasso di Giuseppe Mazzolini e la batteria di Pasquale Mandia. L’iniziativa si è svolta con la collaborazione tecnica di Michele Pagano, Rebecca Pellegrini e Matteo Dell’Unto.

0 Condivisioni