• Gio. Nov 26th, 2020

Agro Today

News e informazione del tuo territorio

Quanto Tempo Occorre per Mutuo Dopo la Perizia

Quando si vuole acquistare casa o un immobile uno dei quesiti più importanti è capire quanto tempo occorre per il mutuo dopo la perizia. Domanda fondamentale che permette di capire effettivamente quando si avrà la liquidità necessaria per l’investimento.

Tutte le tipologie di mutuo richiedono un iter che deve essere rispettato, tra questi la perizia che è uno degli step fondamentali prima di poter concludere tutto il percorso e ricevere la somma per l’acquisto del bene.

Che cos’è la perizia immobiliare per il mutuo

La perizia immobiliare è un esame che viene svolto per convalidare l’erogazione del mutuo richiesto. Si tratta di un aspetto tecnico molto importante per la valutazione di un terreno o un immobile.
Tuttavia per ogni tipologia di mutuo richiesto vi sono perizie differenti. Laddove ritenuto opportuno e necessario può anche essere richiesta una verifica ulteriore dal punto di vista strutturale, questa occorre se durante la perizia vengono rivelati degli elementi che possono porre un dubbio sulla validità dell’immobile che si desidera acquistare.
La perizia occorre in sostanza per stimare il valore effettivo dell’immobile ed evitare che vengano richieste cifre non congrue con quello necessario. La prima cosa che viene effettuata è un sopralluogo da un tecnico che effettua una visione completa dell’appartamento, ne valuta le condizioni, lo stato conservativo ma anche l’efficienza degli impianti e la qualità delle strutture. In un secondo momento la perizia diventa più specifica e burocratica e riguarda tutto il sistema catastale, valutando che vi sia una perfetta regolarità.
Al termine di tutte le valutazioni il perito è in grado di redigere tutti i documenti necessari per completare la perizia e sbloccare quindi le fasi successive del mutuo.

In particolare:

  • conformità urbanistica e catastale,
  • valore immobiliare e caratteristiche.

La documentazione è importante perché deve essere congruente con tutto quello che risulta sull’immobile al fine di non avere problemi durante il rogito notarile, concludendo la procedura per l’erogazione del mutuo.

Quanto tempo occorre per ricevere il mutuo dopo la perizia

La domanda fondamentale che tutti si pongono è ovviamente quanto ci voglia, una volta effettuata la perizia, per ricevere il mutuo. L’esito della perizia può portare a differenti strade e quindi anche a delle tempistiche molto diverse tra loro prima di poter finalizzare l’acquisto.
In caso di perizia positiva la situazione è piuttosto veloce, si va da un minimo di 5 giorni lavorativi ad un massimo di 10 prima di ottenere il finanziamento. Durante tale periodo è possibile concordare con il notaio gli atti utili e quindi firmare il rogito.
In caso di esito negativo invece la situazione si allunga e diventa complessa. Sono tante le motivazioni che possono portare ad un blocco, sia da un punto di vista tecnico che legale e burocratico. Il cliente a questo punto ha due opzioni, può contattare la banca per ricevere spiegazioni e poi effettuare modifiche necessarie e una nuova perizia oppure scegliere di rivolgersi direttamente presso un altro istituto bancario.
La cosa più rapida è ovviamente quella di prevenire il tutto facendo adeguati accertamenti se si hanno dei dubbi, in alternativa comunque per non perdere mesi è sempre bene restare con l’istituto bancario che ha già avviato la pratica, onde dover ripetere tutto l’iter dal principio.
Le difformità che possono presentarsi possono influire sul valore commerciale dell’immobile (prezzo di mercato), il suo valore cauzionale (per forzato realizzo), valore di ricostruzione (costo per la costruzione), irregolarità edilizia perché presenti abusi di qualche tipo anche parziali, mutuo ipotecario, atto di provenienza errato, problemi sulla planimetria catastale.

Conclusioni

Tutte le banche sono tenute per legge ad effettuare la perizia mediante un tecnico specializzato, per questo è impossibile saltare il passaggio. Quello che si può fare per ottimizzare le tempistiche è valutare se i documenti al catasto sono in regola e se vi sono difformità di qualche tipo.
In questo modo si evitano inutili perdite di tempo e si provvede prima della perizia a rettificare quanto opportuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X