La svolta, che riporta al successo esterno i nocerini, arriva verso il quarto d’ora della ripresa: contropiede micidiale di Maiorino, assist perfetto per Squitieri che insacca. Un gol pesantissimo, che vale per la squadra di Monetta tre punti a Capaccio Paestum, nella tana dell’Herajon guidata dalla vecchia volpe Pasquale Santosuosso. 

Monetta è costretto a nuove invenzioni causa defezioni. Coticelli avanza a centrocampo, lasciando il posto nelle retrovie a Bottiglieri. In avanti non c’è Majella, in panchina causa acciacchi. In porta va Della Spada. Difesa con Alfonso Grillo, Bottiglieri, Vigorito e Marino. A centrocampo Coticelli, Senatore e Tipaldi. Linea offensiva composta dai due Andrea Mandara (il 2000 fa l’esterno, il ’96 la punta centrale) e Maiorino. Primo tempo: i padroni di casa cercano di imporre la supremazia territoriale coi palleggiatori Siano e Guadagno. Ma il tentativo produce occasioni solo potenziali, per il resto fa buona guardia la difesa ospite (quella di casa invece registra a metà tempo l’ingresso dell’esperto portiere Calamusa che rileva il titolare infortunatosi). Inizio ripresa con chance locali non sfruttate al meglio da Serrone e Procida ma anche con l’ingresso di Squitieri al posto del Mandara 2000. Il bravo Senatore sbaglia un gol che sembrava fatto. Il rimedio arriva pochi minuti, con l’azione che porta Squitieri a segno. Si fa male Bottiglieri, entra il nuovo acquisto Ferro, difensore 2002. Mandara prende il legno esterno, poco dopo esce per far posto a D’Aniello. Si accende una mezza rissa, ne fanno le spese i capitani Vigorito e D’Alessio, espulsi entrambi. L’Herajon perde la testa nel finale: rosso anche per Siano. Il Nocera Superiore chiude ogni varco dinanzi a Della Spada e porta i tre punti a casa.