Con la proclamazione di Lello De Prisco sindaco, Pagani passa nella classica fase del toto-assessori, fase che per necessità di cose dovrà essere di breve durata per consentire all’esecutivo la massima rapidità di intervento su temi già scottanti, ad esempio toccherà alla nuova amministrazione, ormai è certo, provvedere all’approvazione del pendente bilancio. I nomi in circolazione? Alcuni sicuri, altri probabili: Gerardo Palladino, Raffaele La Femina, Mena Pappalardo, Pietro Sessa, Luna Ferraioli, Dina Pagano, Davide Nitto e Augusto Pepe: ma attenzione alle sorprese. Ad Angri, invece, manca ancora l’investitura ma Cosimo Ferraioli è già a lavoro sulla squadra, cioè su numeri e deleghe. Conferme d’assessorato praticamente certe per Maria D’Aniello, Francesco Ferraioli, Pasquale Russo e Maria Immacolata D’Aniello. Restano posti da assegnare. Quello di vice sindaco, ad esempio, potrebbe andare ad Antonio Mainardi. E per la presidenza del consiglio comunale? Favoritissimo Massimo Sorrentino, mentre l’ipotesi Milo è caduta con le dichiarazioni di rinuncia da parte del diretto interessato.