Dopo lo scottante ko di Ugento con la Virtus Matino e l’esonero di Cavallaro, la nuova settimana rossonera è cominciata con la scelta di un allenatore-traghettatore: si tratta di Agostino Spica, anni 62: debutterà nell’anticipo di sabato prossimo al San Francesco contro l’Altamura. Con lui collaborerà Achille Guglielmi, con compiti di raccordo tra gruppo squadra e società. Mister Spica ha dato il meglio da calciatore. Partito dall’Irpinia di Sibilia, riuscì a mettersi in luce e ad esordire da interessante attaccante con l’Avellino dei tempi d’oro. Il resto dalla carriera: Lecce, Rende, Messina, Turris, Giarre, Altamura, Nola e Formia. 

Da allenatore è rimasto in Irpinia, allenando squadre minori. Negli ultimi anni è stato alla guida di Real Forino, Grotta, con cui vinse il campionato di Prima Categoria,Virtus Avellino, Fc Avellino, Serino, Vis Montorese e Castelfranci. La scelta rossonera è figlia degli ottimi rapporti con l’amministratore Grasso. Fin dall’arrivo del gruppo dirigenziale italo-americano, Spica (accanto a Raimondo e Turi) ha spesso seguito partite e allenamenti dei molossi. Avrà un compito da traghettatore. Quattro partite più eventuali playoff ed in futuro potrebbe restare con diverso incarico, magari la direzione dell’area tecnica. Restano nello staff i collaboratori del precedente mister: il preparatore atletico Emiliano Salsano (per lui nelle scorse ore s’era parlato di incarico da mister ma probabilmente sarebbe stato di cattivo gusto calcistico in virtù del rapporto col precedente) e il preparatore dei portieri Ciccio Gallo.