Nella lunga storia rossonera mancava l’allenatore che scappa via alla vigilia di una partita. C’erano allenati bersagliati da una tazza del wc o che avevano disertato  la panchina per la settimana bianca, allenatori mai seduti in panchina ma che erano bravi a spillare sigarette, allenatori per una seduta come un noto ex sindaco. Come Sannino nessuno mai: abbandona la squadra prima della delicata trasferta di Casarano, se ne va in Svizzera a guardarsi sabato il Paradiso, squadra della Serie C elvetica e si accorda col presidente della stessa: avrà come vice Giovanni Rosamilia, l’ex molosso di Solofra che già faceva parte dello staff Paradiso. Per regolamento può farlo: è vietato allenare due squadre nello stesso anno calcistico sul territorio italiano, non all’estero. Ovviamente la querelle economica esonero-dimissioni dovrà tener conto della giusta causa che la Nocerina potrà far valere cominciando a preparare il deferimento: la risoluzione consensuale sembra l’unica scappatoia morbida. Il nuovo allenatore ? Secondo noi il tandem Zavettieri-Favasuli, che a Casarano ha mostrato serietà e competenza, merita massima fiducia. In alternativa circola il nome di Sandrino Erra. A Sannino consigliamo cosa ? Niente, parla il curriculum: negli ultimi 10 anni s’è dimesso da tutto, anche da sè stesso.