Dopo il comunicato stampa del disimpegno societario firmato dalla cordata italo-americana che gestisce la Nocerina, sono arrivate numerose sollecitazioni di intervento da parte dei tanti nocerini col cuore rossonero a Paolo De Maio, sindaco ma anche tifoso e persino ex calciatore dei molossi (era il portiere di riserva della Nocerina che vinse al San Paolo di Napoli lo spareggio di Eccellenza col Grotta nel lontano 1993).

Nel corso di un filo diretto televisivo, la posizione di De Maio è stata fin troppo chiara: “La Nocerina è una società privata con ampio interesse pubblico. Mi sarei aspettato, dopo le voci già in circolazione da giorni, una comunicazione diversa da parte di chi gestisce attualmente il club, soprattutto alla luce dei tanti interventi social trionfalistici dei mesi scorsi. Nessun problema, provvederò personalmente a convocare al Comune chi rappresenta la società per essere messo dettagliatamente al corrente della situazione. La Nocerina sta a cuore a tutta l’amministrazione ma per quel che riguarda il futuro sottolineo che i nostri margini di intervento riguardano l’interpellare e sollecitare imprenditori e professionisti, in particolare persone che hanno la passione nel sangue e che l’hanno già dimostrato in passato. Metterò l’impegno personale e quello che è compatibile con la carica di sindaco, il resto ovviamente non spetta al sindaco”