Aniello Pappacena, notissimo imprenditore sarnese, ha da poco compiuto 70 anni. La passione per il calcio gli è rimasta. E’ stato patron della Sarnese in varie fasi, partendo dai tempi d’oro con la C sfiorata in epoca lontana e in epoca recente, è stato sponsor della Nocerina e patron delle giovanili della stessa. Quando la Nocerina finì a Paolo Maiorino, in molti pensarono al suo ritorno in grande stile, visto che Maiorino all’epoca amministrava la Soigea. Così non è stato, per tutta una serie di ragioni. Ora ritorna a rimbalzare l’eco di un nuovo interesse di don Aniello al club rossonero, che attraverso una fase delicatissima: qualche mese fa, il dirigente dimissionario Salvatore Napolitano, dopo aver onorato gli impegni presi, si disse disponibile a ulteriori impegni, a patto ovviamente che il garante fosse un personaggio della levatura di Pappacena, distante anni luce dagli italo-americani. Quell’incontro fu voluto fortemente e organizzato da Raffaele Guerritore, dirigente che in questi mesi è riuscito a convogliare risorse economiche sotto forma di sponsorizzazioni. Si riparla ora di Pappacena e nello stesso tempo c’è il discorso in atto con il personaggio interessante che sta facendo calcio altrove e che fino a giugno manterrà gli impegni presi altrove (magari a Nocera si farebbe rappresentare da qualcuno). Noi vi abbiamo fornito l’identikit, ad altri hanno aggiunto un nome e cognome: Raffaele Niutta.