Come riporta Telenuova,  saranno le riprese di alcune telecamere a circuito chiuso  a guidare inquirenti ed investigatori nell’indagine  sui furti in appartamento messi a segno, a ripetizione, in zone periferiche cittadine. In particolare nei dintorni del cimitero e nell’area Fiano. Nel mirino della banda è finito anche un assessore, oltre ad alcuni  imprenditori. La banda sarebbe formata da professionisti che avrebbero agito dopo essersi accertati dell’assenza dei proprietari (in un solo caso ci sarebbero state delle persone all’interno della casa presa di mira per il colpo). Il gruppo avrebbe agito arrivando a piedi da sentieri confinanti con i posti svaligiati, lasciando a distanza  i mezzi di trasporto usati. Un episodio in particolare è all’attenzione degli uomini del vice questore Ingenito: casa ripulita e seministrutta, con cassaforte sventrata.