Dalla speranza di un’esistenza migliore, improvvisamente alla fine dell’esistenza. All’Umberto I di Nocera Inferiore è morto uno dei minori sbarcati, tra mille polemiche, l’altro giorno a Salerno con l’Ocean Viking. Si era sentito male tra martedì e mercoledì, nonostante gli sforzi di medici e sanitari non è stato possibile salvarlo: valori del sangue completamente alterati, problemi al cuore, problemi mai curati alla tiroide, tante sofferenze patite in Liberia. Anni 16, nazionalità maliana. La sua vita è finita proprio quando sembrava possibile una svolta positiva. A Nocera hanno fatto il possibile perchè ci fosse il lieto fine. Ora solo lacrime e necessità di far rimpatriare la salma del giovane.