Ritorniamo sulla macchina dei tamponi per l’Umberto I. Soldi raccolti grazie alla generosità dei nocerini sul conto corrente acceso dall’amministrazione comunale in primavera, bonificati a fine settembre per l’acquisto della macchina per lavorare i tamponi. L’Asl fin qui ha parlato di attesa per ricavare spazi idonei all’Umberto I. Ma siamo sicuri che sia solo questo? Emergerebbe altro, la mancanza di personale ad esempio, visto che una macchina del genere ha bisogno minimo di un biologo e di un tecnico di laboratorio. Poi le istruzioni: sarebbero in tedesco ma in ogni caso, al di là della lingua e dall’acquisto o meno di un software, chi ha venduto assicura comunque la presenza dei tecnici per avviare il funzionamento. Al momento come e dove è possibile fare i tamponi nelle due Nocera ? Ovviamente dai privati, al costo di circa 40 euro con lavorazione ed esito lampo. Mentre per il pubblico (parliamo della sola effettuazione), visto che l’accordo coi medici di base per farli a 18 negli studi è stato firmato da una sola organizzazione nazionale, ci sono i cosiddetti drive in (al Consorzio di bonifica si partirà da lunedì prossimo) oppure i siti asl, dove si va su prescrizione del medico di base (sono gratuiti). A Nocera Inferiore si fanno a via Ricco (lavorati poi a Salerno, occorrono diversi giorni per la risposta). A Nocera Superiore si fanno nei locali dell’ex Mimosa (lavorati a Portici, tempi celeri per le risposte). Attenzione massima deve essere messa sia dal pubblico che dal privato sulle modalità di trasporto. Se si alza la temperatura, l’esito diventa poco attendibile, scatta la classificazione PRESUMIBILMENTE POSITIVO, in verità con vera “presunzione”, dato che la casistica dei PRESUMIBILMENTE dice che sono più i negativi che i positivi: i privati ripetono senza costi aggiuntivi il tampone ma il pubblico di sicuro non richiama i diretti interessati per il bis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *