0 Condivisioni
Lo scorso weekend sarà ricordato come quello delle presentazioni : sabato di Paolo De Maio e domenica di Antonio Romano . In città si è tornati a respirare aria di campagna elettorale. La pioggia battente ha accompagnato l’apertura di De Maio e se vale la stessa considerazione che si fa per la sposa nei matrimoni, dovrebbe essere di buon auspicio. Un clima più mite e senza pioggia ha accompagnato invece quella del candidato Romano. Anche in tal caso il sereno dopo la tempesta è di buon auspicio. Queste le differenze meteo .
Diverse le arringhe dei due avvocati : più espositivo e propositivo ci è sembrato De Maio che ha ricordato le cose fatte in questi anni, mentre è partito subito all’attacco Romano che ha provato ad accendere già dalla prima uscita la campagna elettorale , dando un chiaro segnale ai suoi avversari che al momento tacciono. Un bagno di folla per entrambi , anche se le location erano diverse , molto ampia quella di Romano , più angusta quella di De Maio. Presenti con De Maio i vertici locali del Pd il segretario Francesco Scarfò, il vice sindaco Federica Fortino e l’immancabile Vincenzo Petrosino , il Psi con il coordinatore Salvatore Bottone e la segretaria/assessore Sara Ascione, in rappresentanza dei partiti dell’area di centro Udc/ liberal socialisti il duo Massimo Petrosino e Lello Buonfiglio , per Italia Viva Santino Ruggiero (fedele scudiero dei paganesi Calce e Sessa), in rappresentanza dei numerosi civici presenti in sala: l’ex consigliere comunale civico Massimo Torre.Tra la folla presente anche il Sindaco Manlio Torquato accompagnato dal suo fedele cane Fufi. Prova di forza riuscita quella di Romano, con lui i vertici di Fratelli d’Italia trasformati in salsa locale in fratelli di Nocera:On Edmondo Cirielli e il Senatore Antonio Iannone, il coordinatore Giuseppe Fabbricatore , Alberico Gambino( da poco entrato nel mondo immobiliare come “sanzaro”)c’erano poi alcuni ex consiglieri dell’era Romano tra cui Rosario Cozzolino, Enrico Esposito, gli ex assessori Ciccio Pagano e Antonio Iannello, il consigliere Ilario Capaldo e il compare Pasquale D’Acunzi, il consigliere di Azione Gianfranco Trotta, il coraggioso Vincenzo Stile e in rappresentanza del patron di Villa dei fiori: il nipote l’avvocato Antonio Angrisani .
Dopo le presentazioni sono giunte le prime precisazioni dovute. Infatti il coordinatore cittadino di Azione, Trotta, si è affrettato a chiarire che la sua è una presenza personale e non di partito e che sta cercando di allestire una lista solo civica insieme all’amico Ciccio Pagano a sostegno di Romano.
Una precisazione probabilmente necessaria dopo le fughe di alcuni “Azionisti” che non hanno alcuna intenzione di seguire Trotta con Romano.
Non è stata di buon auspicio per la Nocerina, la prima apparizione pubblica al San Francesco del candidato Centrista Giovanni D’Alessandro che sembra aver raccolto il sì definitivo dell’ex consigliere provinciale Fausto De Nicola, pronto ad unirsi ai due attuali assessori Antonio Franza & Mario Campitelli.
Non si hanno notizie del leghista Maiorino che starebbe trovando grosse difficoltà nell’allestire la lista a suo sostegno. Difficoltà che starebbero riscontrando anche i rappresentanti delle liste minori di tutti gli schieramenti
Mentre prosegue la campagna elettorale fatta di incontri con i cittadini da parte di Tonia Lanzetta che a breve potrebbe organizzare una manifestazione pubblica per presentare le proprie liste dopo aver già affisso sulle mura della città i propri manifesti. Resta alla ricerca di candidati Erminia Maiorino di Potere al Popolo . Una ricerca che vedrà coinvolti tutti i candidato sindaco almeno fino al 10 maggio.
0 Condivisioni