Seguiranno altre parole dopo l’ennesima intimidazione, quella di ieri sera con colpi esplosi in via Napoli nei pressi di uno studio professionale di avvocati e commercialisti. Ma in questo caso saranno parole inutili se non immediatamente seguite da fatti. Nocera ha bisogno di un controllo speciale del territorio. Di mattina il sole copre i problemi. La luce della notte, invece, li amplifica. E’ in corso una lotta per garantirsi la supremazia del “male”. La città del “bene” assiste passiva e impaurita allo scontro. I tavoli provinciali per l’ordine e la sicurezza abbondano ma a cadenza continua vengono sorpassati dagli atti intimidatori. La luce della notte è diventata tenebra. A questo punto l’invocata visita a Nocera del ministro Lamorgese – fu il sindaco qualche settimana fa a paventarla – diventa una necessità e una prima risposta, simbolica, a chi ha deciso di lottare per il “male”, riportando anni indietro la lancetta cittadina della tranquillità e della sicurezza.