Anche per quest’anno, niente tradizione del particolare martedì in Albis dei nocerini, una sorta di Pasquetta bis, per i tradizionalisti la vera Pasquetta, che ha radici storiche, nei secoli dei secoli. Il Santuario della Madonna dei Miracoli resta lontano dalle città che dall’alto guarda e protegge. Purtroppo il covid è solo il contrattempo grave, ma non l’unico, anzi il minore. La messa in sicurezza del tratto che porta alle pendici di Montalbino è rimasta nel cassetto. L’amministrazione comunale, malgrado le tante e ripetute promesse, non è riuscita nemmeno ad entrare in lizza per i fondi stanziati dal Ministero dell’Interno, storia di un mese e mezzo fa, quando il ministero dell’Interno, dipartimento per gli Affari interni e territoriali, ha bocciato per mancanza della documentazione il progetto presentato. Nell’allegato al decreto, alla voce motivazioni inerenti il respingimento, si leggeva che il Comune «non ha compilato il piano dei costi, il quadro economico e l’iter procedurale; ha inviato il rendiconto in stato di approvazione non definitivo». Un no secco, dunque, per il progetto alla base dei lavori di messa in sicurezza dall’importo milione 256mila euro circa. La domanda di partecipazione è stata presentata al Ministero il 14 settembre del 2020, la procedura è stata seguita dal settore Territorio e ambiente dell’ente. E ora ? La parziale consolazione in arrivo, i fondi per la progettazione dei lavori (circa 200mila euro), sarebbe poca cosa dinanzi all’attesa che continua e agli errori che si ripetono nel tempo e diventano simbolicamente il bigliettino da visita dell’amministrazione. La zona è molto cara ai nocerini, che da anni non possono goderne. Metterla in sicurezza dovrebbe rappresentare una priorità. Invece non resta che invocare un miracolo in più…