Nei giorni caratterizzati dall’astensione delle aule, ecco il giovedì di protesta, una sorta di flash mob deciso dall’Ordine degli Avvocati di Nocera Inferiore, una marcia di pochi ma significativi metri sotto un sole cocente: dal palazzo del Penale a quello del Civile. Accanto gli avvocati, c’erano sindaci o delegati delle città dell’Agro, della Valle Metelliana e della Valle dell’Irno. Le parole importanti di Guido Casalino, presidente dell’Ordine: “Parliamo tanto di legalità e di giustizia ma c’è il rischio che le parole alate restino tali. La realtà del nostro Tribunale è drammatica, la carenza di personale allunga a dismisura l’attesa di giustizia del cittadino, che resta l’anello debole della catena, il primo ad essere danneggiato. Manca personale agli uffici del giudice di Pace ma non è l’unico problema, anche altrove si riscontra giorno dopo giorno una carenza mai sanata. Abbiamo chiesto alla politica, partendo da quella locale, di contribuire a portare la problematica nelle stanze decisionali, così non possiamo andare avanti”. Mentre Casalino parla, c’è qualche voce non in dissenso ma da ascoltare: “Stamattina dove sono i magistrati ? Per quale motivo non partecipano alla protesta ?”