0 Condivisioni

In questo incontro sull’ambiente come bene comune, ognuno ha espresso il proprio parere su quel che significa migliorare l’ambiente: c’è chi pianterebbe un migliaio di alberi, chi amerebbe più parchi, chi si è espresso circa le problematiche del traffico, chi ha parlato dei collegamenti e dei trasporti, chi dei rifiuti…

Ieri, martedì 7 giugno, alle ore 19:00, in piazzetta Petrosini, il candidato a sindaco di Nocera Inferiore, Paolo De Maio, ha indetto un nuovo incontro pubblico dal tema: l’ambiente come bene comune. A supportare il candidato sono intervenuti Alfonso Schiavo e i membri della lista Nocera Città Solidale, e Michele Buonomo, referente dell’organizzazione non-profit Legambiente Campania. Hanno poi preso parte al dibattito incoraggiato da Schiavo: Antonio Schiavo, figlio di Alfonso e membro dell’associazione ambientalista Carbon Negative, la candidata al consiglio comunale Simona Pagano e alcuni cittadini.

In alto a destra sono state esposte delle foto, spiega Pagano, “Rappresentano un po’ tutto quello in cui noi crediamo: gli spazi pubblici che devono essere restituiti ai cittadini, il decoro urbano che è un valore importante, gli spazi verdi che possano essere fruibili per le persone…” Effettivamente non sono passate inosservate quelle immagini in bianco e nero, alcune risalenti agli anni ’60, scattate sia da professionisti, che da semplici amatori, raffiguranti gli spazi verdi appartenenti alla città negli anni addietro, tra cui immortalato il fiume Sarno, vero e proprio simbolo della lotta ambientalista dell’Agro. “Ci sono dei problemi di salute che Nocera ha e che deve affrontare.” afferma la candidata a proposito dell’inquinamento ambientale della città, riferendosi proprio in particolare alle condizioni del fiume Sarno e ponendo l’accento sulla gestione dei rifiuti per le strade. Tuttavia, si dichiara soddisfatta, insieme al candidato sindaco, dei traguardi raggiunti fino ad ora.

Si parla del completamento della rete fognaria – un lungo lavoro conclusosi solo quest’anno – al quale lo stesso De Maio ha partecipato; si parla dei lavori attuati in via Solimena, dell’obbiettivo di una città più verde e si parla di un progetto che appare caro al candidato: “Noi abbiamo immaginato un parco urbano (…) Abbiamo detto che vogliamo occuparci della Caserma Tofano. Abbiamo immaginato un utilizzo di quest’ultima nel circuito del parco di Pompei ed Ercolano”, afferma, facendo riferimento agli importanti collegamenti fra Nocera Inferiore e Pompei.
Riguardo la questione della pubblicizzazione dell’acqua dichiara: “Con Gori abbiamo ribadito, anche in questa proposta amministrativa, una posizione chiara, netta: noi apparteniamo dal 2013 e proseguiremo a far parte della rete di comuni per l’acqua pubblica.”

0 Condivisioni