“Cuori in attesa”, libro scritto da Simona Angeloni – Intrecci Edizioni – è un condensato di emozioni attraverso le quali l’autrice narra il difficile compito di riuscire ad esprimere sé stessi e trovare il proprio posto nel mondo.

Un esordio narrativo in cui le parole riempiono il vuoto che s’insinua nella vita, quando l’itinerario non corrisponde alle attese di un cuore pulsante che contratto attende un nuovo inizio che pare non arrivare mai.

Gli impedimenti sono le ferite inferte attraverso il disconoscimento delle potenzialità, dei desideri, della volontà di una bambina che sogna di librarsi in alto.

Una narrazione struggente quanto delicata che in brevi flash racconta il mondo interiore di una donna che riprende il dialogo con la bambina che è stata.

Qual è la differenza tra chi riesce ad essere farfalla e chi evita il volo? La bambina che diventa donna fatica ad indossare l’abito a colori che vorrebbe, e osserva il mondo circostante attraverso lenti scure dove un non colore come il nero, filtra ogni immagine e risucchia i colori dell’anima.

I sogni faticano a svanire, ma necessitano di cura mentre il cuore si ritrae, perché “sembra che volare sia sbagliato”, come “stare tra le nuvole”.

Un’esistenza vissuta attraverso il velo spesso del senso di colpa che trova alimento nel non riuscire ad accontentarsi di ciò che altri considerano appropriato per il quotidiano, e il senso di inadeguatezza riempie i momenti che diventano pesi. Uno solo è lo sguardo che dà pace, è quello di Nonnomio che vive in sintonia con la nipotina e riconosce quel piccolo cuore alla ricerca della sua armonia nel girotondo del mondo.

L’educazione diventa lo strumento per “mettere argine alla mente”, che altrimenti lascerebbe fluire i pensieri senza costrizioni, e insegna a tacere di fronte ai richiami di un’energia contenuta nei binari della passività.

L’anima sa che c’è un modo per uscire dal vortice del silenzio sterile che annienta e depreda, e in questa consapevolezza risiede la sua forza propulsiva che introduce ai colori della primavera e dell’amore.

Un libro da gustare in un sorso di vita.