La fruizione artistica e le persone con disabilità. Il 3 dicembre è la giornata internazionale delle persone con disabilità, un momento per riflettere e agire. Uno dei punti è certo consentire di far accedere agli spazi della cultura a tutti. Diverse le realtà culturali che hanno lanciato attività proprio oggi. complice la possibilità di usufruire del mondo virtuale, nell’era del Coronavirus più di ieri

POMPEI PER TUTTI
Il Parco Arecheologico di Pompei da anni ha attivo il progetto Pompei per tutti con dei percorsi accessibili a tutti per chi ha problemi di deambulazione, ma l’idea , rilanciata oggi, è adeguare anche altri edifici e strade per questa fruizione.  Il Parco, inoltre, nell’ambito del Protocollo Campania tra le mani. Itinerari inclusivi nei luoghi d’arte, coordinato dal Servizio di Ateneo per le Attività degli studenti con Disabilità dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, a cui aderiscono numerose istituzioni dei beni culturali campane e le maggiori associazioni delle persone con disabilità, sta attivando una serie di azioni volte ad assicurare la fruizione del parco da parte dei visitatori disabili, con particolare attenzione alle persone con disabilità sensoriale.

Sono partiti dei video in questo senso, ritrovabili sui social del Parco.

Quest’ultimo racconta la casa di Venere in conchiglia, e in particolare dell’affresco che dà il nome alla dimora. La voce narrante conduce l’utente alla scoperta dell’affresco, attraverso un audio e un linguaggio visivo che è in grado di raggiungere con la massima immediatezza chiunque, superando le varie limitazioni sensoriali. Il testo della narrazione è stato realizzato con la supervisione dell’associazione FIADDA Campania, mentre la registrazione audio è stata curata del Centro Nazionale del Libro Parlato intitolato a Francesco Fratta, su iniziativa del Presidente dell’Unione nazionale ciechi, Mario Barbato.  Questo primo video sperimentale, farà parte di una serie di video racconti che tratteranno anche altri luoghi, affreschi e/o reperti dei siti archeologici del Parco.

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI
Il MANN propone un giovedì social nel segno dell’inclusione: sulle piattaforme Facebook ed Instagram dell’Istituto saranno condivisi post, che rappresentano non soltanto una sintesi di quanto fatto sinora, ma anche una proiezione verso le iniziative da realizzare in futuro.

Si partirà il 3 dicembre con un podcast audio, destinato, in primis, alle persone cieche ed ipovedenti: l’iniziativa è frutto della collaborazione tra i Servizi Educativi del MANN e la rete “Campania tra le mani” coordinata dal Servizio di Ateneo per Attività di studenti con Disabilità (SAAD) dell’Università Suor Orsola Benicasa di NapoliLa narrazione si concentra sulla collezione della Villa dei Papiri: tra i celebri capolavori del Museo è stata selezionata, per il primo e breve podcast, la celebre scultura dell’Ermes a riposo; l’opera, ritrovata ad Ercolano, è ritenuta una copia romana di un originale greco  (IV sec. a.C.)  attribuito a Lisippo.
In prospettiva, saranno previsti approfondimenti sui reperti della Napoli antica e sulle opere rappresentative delle collezioni museali. 
Per rendere i contenuti fruibili da tuttiil testo – disponibile on-line – è stato curato in collaborazione con l’Associazione FIADDA-Onlus Campania (Famiglie Italiane Associate in difesa dei diritti degli Audiolesi), mentre l’audio è stato realizzato dal Centro Nazionale del Libro Parlato “F. Fratta” dell’Unione Italiana Ciechi ed ipovedenti ha realizzato l’audio; immagini di Luigi Spina e Giorgio Albano arricchiranno il contenuto multimediale.
Durante la giornata sarà postato anche un fotoracconto dei percorsi tattili realizzati nella Collezione Magna Grecia del MANN, progettata proprio per essere accessibile a tutti i visitatori; infine, condivise online anche le videoguide in LIS, incluse nel progetto “Conoscere per crescere”.

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI TARANTO
La direttrice del Marta
Il MArTA lavora per una fruizione piena di tutto il suo patrimonio, consapevole anche che la “cura” della storia sia cura altrettanto efficace per tutte le sensibilità umane. In questa direzione la costruzione della visita al museo come esperienza a 360 gradi. E in questa direzione dalle ore 16 del 3 dicembre si tiene il webinar dal titolo “Corpo e psiche nell’esperienza museale del MArTA: la scoperta e la cura. Il progetto con l’ASL Taranto”. Sono previsti gli interventi della direttrice Eva Degl’Innocenti su “Il MArTA tra accessibilità, inclusione e cura. Il Progetto con ASL Taranto”, del direttore area socio sanitaria e struttura Comunicazione dell’ASL di Taranto, Vito Giovannetti, della psicologa del Dipartimento Salute Mentale dell’ASL ionica, Dora Chiloiro e della funzionaria archeologa del MArTA, Anna Consonni su “Piccoli e grandi passi verso un museo per tutti”.
Previste anche le testimonianze di utenti e educatrici del Centro Diurno EPASSS di Grottaglie e del Centro Salute Mentale dell’ASL di Taranto. Modera l’incontro Francesca Perrone della struttura comunicazione dell’ASL di Taranto.