• Mer. Set 30th, 2020

Agro Today

News e informazione del tuo territorio

La Stanza di Jennifer: Storia di Eva, due vite in una

DiRedazione

Set 16, 2020
La storia di Eva Oggi voglio parlarvi di una donna speciale , di una guerriera dei nostri tempi Eva Giardina che circa dieci giorni fa è stata vittima di un attacco OMOFOBO, TRASMOFOBO, MISOGINO E MASCHILISTA.
I recenti fatti di cronaca , la morte “per amore”di Maria Paola mettono in risalto di quanto ancora la nostra società sia poco aperta a chi ha una sessualità diversa ,a chi ha uno status sociale diverso. Eva ci è riuscita , combatte per chi non riesce a parlare del suo essere diverso , combatte per le donne vittime di violenza , combatte per il femminicidio attraverso una associazione della sua città e non si ferma ,!non ha paura dei continui attacchi social perché il suo motto è NO RISK NO GLORY frase tratta dalla canzone di Madonna “Survivor”. Eva nasce Guido , a sei anni inizia la scuola primaria , parliamo degli 80 dove questo argomento era tabù, lei odia il blu perché a lei fu messo il grembiule blu perché voleva rosa perché dentro di lui si sentiva già Eva . A otto anni purtroppo questo disagio si trasforma in malessere inizia a soffrire di anoressia e viene ricoverata . I suoi amichetti il suo maestro non l’hanno mai lasciata sola anzi tutt’ora quando lo incontra le dice : Eva che bella ragazza che sei diventata. All’inizio la famiglia ovviamente, non riesce ad accettare ,perché la gente inizia a chiamarla “femminniello” riceve insulti di tutti i tipi . Ma lei va avanti e l’11 gennaio del 2007 Guido entra in sala operatoria e dopo sei ore di intervento uscendo dalla sala operatoria dalla sala operatoria fuori dalla quale ci sono tutti , ma soprattutto la sua mamma che per sei ore ha stretto un rosario tra le mani, senza mai alzarsi dalla sedia . La dottoressa le dice : Benvenuta al mondo Eva . La famiglia aveva una lavanderia e quel giorno rimase chiusa , il papà appende un fiocco rosa al negozio con la scritta :è nata Eva. Eva rinasce , impegnata nel sociale ha un sogno mettere a Poggiomarino una sede ARCI per aiutare tutti i ragazzi che devono affrontare la transizione . Eva si è sempre ispirata alla cantante Madonna , ed è stata anche la sua sosia . Eva è un esempio , Eva in questo mondo egoista rappresenta uno spiraglio di speranza . L’amore non ha sessualità, non ha status sociale , lasciate che i vostri figli vivano il proprio amore sempre e comunque .
Jennifer Pagano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X