Domani riaprirà al pubblico il sito archeologico della Domus del Decumano di Nuceria, nel territorio comunale di Nocera Superiore (SA). L’area della domus, nota anche come Proprietà Fasolino, è stata oggetto di scavi archeologici tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta e ha restituito parte degli ambienti di una ricca domus di I-II sec. d.C. e un tratto del “Decumano Inferiore” della città romana. La riapertura dell’area al pubblico, che rientra nel programma degli eventi organizzati dalla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Passaggio di Salerno e Avellino in occasione delle Giornate del Patrimonio, è il primo importante risultato dell’intensa e proficua collaborazione tra Soprintendenza, il Comune di Nocera e le associazioni del territorio, volta alla promozione del ricco patrimonio culturale presente nel territorio di Nocera. Proprio con quest’intento, nel corso dell’appuntamento di domani, verrà sottoscritto un protocollo d’intesa tra la Soprintendenza, il Gruppo Archeologico Nuceria e l’associazione socioculturale Vivere Insieme per la gestione dell’area della Domus del Decumano, che consentirà la fruizione regolare del sito e l’organizzazione d’iniziative di valorizzazione.

Domus del Decumano