Innamòrati di Napoli: artisti e uomini di cultura per un giorno ciceroni della città

0
103

Il format è ormai consolidato. Innamoràti illustri di Napoli, appassionati di scorci e dimensioni, fanno dei tour per far innamorare di Napoli. L’idea venne al napoletano per eccellenza come Maurizio de Giovanni e continua di anno in anno: si chiama appunto Innamòrati di Napoli ed è la manifestazione che per un giorno trasforma personalità della cultura napoletana in avvincenti ciceroni di zone della città. I tour, gratuiti (mentre il biglietto al sito è a pagamento), si realizzeranno domenica 17 febbraio, con l’eccezione di due tour: il 16 si terranno la visita “Esplorando il Borgo Orefici”, tour curato dagli orafi della zona, e la visita speciale alla mostra I de Filippo.

Sono una cinquantina le personalità che si sono prodigate per questa iniziativa, affiancate da guide turistiche dell’associazione di categoria Guide Turistiche Campania che curano la logistica oltre che dare supporto ai tour. I nomi sono tutti rintracciabili sul sito del comune di Napoli (www.comune.napoli.it) e sul sito dell’associazione Guide turistiche Campania (www.guideturistichecampane.it). Proprio su quest’ultimo sito, alla sezione Innamorati2019,  sarà possibile effettuare le prenotazioni online obbligatorie. Per ulteriori dettagli è possibile telefonare ai seguenti numeri: 391742617 – 3917489669  (Lun -Ven ore 10.00-17.00)

Alcuni eventi vanno sottolineati per il loro taglio come ad esempio a Palazzo San Giacomo la visita è accompaganta da attori in costumi d’epoca (a cura della compagnia “La fabbrica di Wojtyla”) e sarà tradotta in Lis (Lingua italiana dei segni), a cura dell’Ente Nazionale Sordi, sezione provinciale di Napoli. Un altro evento speciale è un itinerario di tipo tattile-narrativo a Capodimonte alla scoperta degli Appartamenti Reali e della Galleria delle Arti a Napol con la visita “Capodimonte tra le mani”.

I personaggi illustri sono tanti, attori come Marina Confalone e Nello Mascia che non a caso introdurranno alla mostra I De Filippo, Enzo De Caro, Lucio Allocca o Giulio Adinolfi. Musicisti come Michele Campanella, Marco Zurzolo scrittori come Agnese Palumbo o giornalisti come Gianni Valentino a Donatella Bernabò Silorata, al direttore dei Musei del Tesoro di San Gennaro e Filangieri Paolo Iorio. Immancabile Pierantonio Toma tra i sostenitori della manifestazione. Ma questi sono solo alcuni.

I nomi andrebbero menzionati tutti, ma si preferisce pubblicare l’elenco, lungo e completo degli eventi.

Il programma:

Palazzo San Giacomo –  Municipio di Napoli 
Visita guidata teatralizzata a cura della compagnia ‘La fabbrica di Wojtyla’ presso la sede centrale del Comune di Napoli – Palazzo San Giacomo. I visitatori saranno accompagnati nelle stanze suddivisi in gruppi, lungo il tragitto incontreranno personaggi del 1700 dislocati lungo il seguente percorso: – Storia del palazzo e curiosità – La facciata e l’ingresso principale – Il cortile – Le scale e la loro storia che conducono al secondo piano (uffici storici dei sindaci) – I corridoi storici e le chiavi della città – La sala della Giunta, storia e veduta – La sala riunioni del sindaco di Napoli – La stanza storica del sindaco di Napoli
Alla visita presenzierà la madrina dell’evento l’attrice Luisa Amatucci con il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l’assessore alla cultura e al turismo Nino Daniele. La guida sarà tradotta nella LIS Lingua italiana dei segni, a cura dell’Ente Nazionale Sordi, sezione provinciale di Napoli.

GIULIO ADINOLFI
Attore, regista
presenta Cupido è nato a Napoli.
Nella libreria del Teatro e del Cinema in via del Parco Margherita, unica nel suo genere, sono custoditi preziosi volumi dedicati a Napoli, al cinema, al teatro.
La visita sarà arricchita da letture di poesie e brani d’amore.

LUCIO ALLOCCA
Attore e regista
presenta La Certosa di San Martino.
Una passeggiata attraverso i chiostri della Certosa e visita alla zona riservata all’arte presepiale con particolare attenzione dedicata al presepe Cuciniello.

FRANCESCA AMIRANTE
storico dell’arte – Curatore del Complesso Museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco
presenta Ritorno: il culto delle anime pezzentelle.
In occasione dell’ultimo giorno di apertura della Mostra “Ritorno: il culto delle anime pezzentelle”, Francesca Amirante, curatrice della Mostra, presenterà le nuove anime del Purgatorio: 147 gruppi e statuette in terracotta, in cartapesta, in legno che rischiavano la dispersione e che sono state acquistate dall’Opera Pia Purgatorio ad Arco affinché tornassero a Napoli. La storia del culto per le anime del Purgatorio e l’evoluzione dell’iconografia delle immagini ad esse legate saranno parte centrale del racconto che si concluderà nell’Ipogeo e nella Terrasanta che ancora ospita il culto per le anime pezzentelle.

VINCENZA ALFANO
scrittrice napoletana di molti romanzi di successo tra cui “Balla solo per me”, “Chiamami Iris”
presenta L’altra San GregorioLa voce dei vicoli, la storia di Iris.
Vincenza Alfano ci conduce nei luoghi del suo ultimo romanzo “Chiamami Iris”. La visita del Convento di San Gregorio Armeno comincia dal portale a bugne alterne di marmo e piperno e l’ampio scalone scoperto. All’interno del Convento i visitatori incontreranno la storia di Iris, percorrendo il chiostro, il refettorio, la Chiesa. Un itinerario alla scoperta della spiritualità e dell’arte di un luogo unico: l’altra San Gregorio, volto meno conosciuto della strada nota per le sue botteghe di pastori, palpitante di vita e di voci che sembrano opporsi al silenzio del chiostro.

ELENA ANTICOLI DE CURTIS
scrittrice, presidente Associazione Antonio de Curtis in Arte Totò
presenta il Rione Sanità
passeggiata lungo le strade del rione Sanità alla scoperta dei luoghi del cuore del “principe” della risata, accompagnati da un cicerone d’eccellenza: sua nipote.

PINO APRILE
giornalista e scrittore, autore del best seller “TERRONI”
presenta Quando nascette Napule.
Il rapporto fra Napoli e il mare, il mare e la musica di Napoli, e quello scoglio come punta avanzata di una cultura che ha riempito il mondo con quello che Napoli è, non con quello che ha, perché mentre altre civiltà si raccontano e lasciano tracce con i loro resti (il Colosseo, le Piramidi…) quella napoletana si conserva non nelle cose, ma nei comportamenti: un modo di vivere, di agire, di pensare, di essere.

GIULIO BAFFI
critico teatrale del quotidiano “la Repubblica”
presenta il Teatro San Ferdinando.
Sarete guidati all’interno di quello che fu il tempio di Eduardo De Filippo attraverso le storie e gli aneddoti raccontati da uno dei massimi conoscitori della storia del teatro.
Eccezionalmente per quest’evento la visita al teatro sarà gratuita.

DONATELLA BERNABO’ SILORATA
Giornalista Di Viaggi – Dove (RCS Periodici)
presenta LA GAIOLA. Storia, falsi miti e una bellezza che incanta
La Gaiola è un cammeo, un unicum per storia e geografia: parco archeologico sommerso e area marina protetta, l’unica in Italia in area metropolitana. Ai piedi del promontorio di Trentaremi sul Capo di Posillipo, in una posizione che incanta al primo sguardo, è un condensato di storie, leggende e meraviglie subacquee. Nelle giornate limpide, anche ad occhio nudo, si vedono bene i resti di approdi, ninfei, camminamenti e peschiere della villa Imperiale di Publio Vedio Pollione del I sec. a.C. Ci arriveremo a piedi costeggiando scampoli di vigne e campagna. L’arrivo è emozionante: acqua trasparente, una piccola spiaggia e il Vesuvio davanti come una cartolina. Visiteremo il centro studi Gaiola, centro di ricerca e divulgazione scientifica, con acquario didattico e un’innovativa tecnologia per guardare i fondali.

MARIO BRANCACCIO
Attore, scrittore e Direttore Artistico del Parco Letterario Vesuvio
presenta Amori Impossibili: Giacomo Leopardi e la musica jazz.
Performance su una rilettura evocativa e sonora dei versi e della vita di Giacomo Leopardi a Napoli ideata da Mario Brancaccio con il commento canoro di Patrizia Spinosi che interpreta le più belle melodie partenopee di metà Ottocento. Alla chitarra il maestro Michele Boné.

MICHELE CAMPANELLA
pianista, direttore di orchestra
presenta ‘Villa Pignatelli’ Museo di immagini e suoni.
Villa Pignatelli, detta anche Villa Acton Pignatelli, tra i luoghi più ricchi di storia e memoria della città, nonché unica casa-museo di Napoli, tra le più famose d’Italia.

YVONNE CARBONARO e SERGIO RAGNI
Scrittrice e Musicologo esperto rossiniano
presentano Casa Museo Rossini di Sergio Ragni.
Visita alla collezione sulla figura e l’opera di Rossini raccolta nella propria Casa Museo da Sergio Ragni, musicologo e grande esperto rossiniano.

VALERIO CEVA GRIMALDI
Giornalista e autore della guida “Napoli insolita e segreta”
presenta Hotel San Francesco Al Monte un “tour insolito” a San Francesco Al Monte, alla scoperta dell’antico monastero e della terrazza panoramica.

DOMENICO CIRUZZI
Avvocato, regista, autore, presidente della Fondazione “Premio Napoli”
presenta Le strade de “Il Giudizio Universale” (V. de Sica 1961)
da Piazza del Plebiscito a Santa Lucia.

AMEDEO COLELLA
scrittore ed umorista napoletano
presenta Gli amori (leciti e proibiti) di casa Borbone.
Le storie d’amore di sei regine Borbone, da Maria Amalia di Sassonia a Maria Carolina, a Lucia Migliaccio, a Maria Isabella, a Maria Teresa d’Austria a Maria Sofia di Wittelbach e tanti altri amori della storia di Napoli, raccontati nelle loro alcove.

RICCARDO DALISI
architetto, designer e artista con la collaborazione di ANNAMARIA LAVILLE presentano L’INSULA DI RUA CATALANA: dai teatri alle botteghe dell’arte.
Passeggiata lungo Rua Catalana alla scoperta delle sue origini medievali, dei più antichi teatri della città e della antica tradizione di lavorazione del ferro e del rame.Visita al teatro Mercadante , all chiesa della Graziella (ex teatro San Bartolomeo)e alle botteghe dei maestri ferrai e lattonari, in un affascinante percorso valorizzato dall’allestimento realizzato dall’architetto Dalisi, cicerone illustre di questo percorso.

BENEDETTA DE FALCO
Presidente Associazione Premio GreenCare
presenta Capodimonte ForeverGreen
Una morbida passeggiata che, partendo dal Belvedere sulla città, alleata alle competenze botaniche del professore Carmine Guarino, propone ai visitatori un racconto appassionato del parco storico e pubblico più grande della città e d’Italia. Come fu pensato, le trasformazioni nel tempo, cosa è oggi, ma soprattutto cosa diventerà. Le esigenze di tutela e valorizzazione nel rapporto con i visitatori. Un patrimonio storico-botanico-ambientale d’inestimabile valore da preservare ma anche un “patrimonio” affettivo-sociale da accogliere e coltivare nel rispetto delle diversità. Guarino è professore di biologia vegetale all’Università del Sannio ed autore di libri sulla storia dei giardini e del paesaggio agrario.

ENZO DECARO
attore teatrale, cinematografico e televisivo
presenta …tenet nunc”- Virgilio poeta e “Santo” napoletanoUn vice-patrono davvero speciale.
Passeggiata nei luoghi e nel tempo (ma anche fuori) partendo dalla volontà non casuale di Publio Virgilio Marone di dimorare a Napoli con le sue spoglie mortali (ma anche con il suo spirito infinito).

GIUSEPPE PINO FERRARO
docente di Filosofia presso Università Federico II di Napoli
presenta ’O Vasto
Chi è innamorato di Napoli dovrà far “parlando innamorar le genti”, è come un compito il verso di Dante. Chi ama Napoli scopre che ogni amore è significante dell’amore per la vita. Il Vasto rappresenta un luogo di approdo, che trova la sua svolta storica in quella del “risanamento” della Città. Ci ritroveremo a piazza Nazionale, che è il centro del Vasto, e procederemo lungo il racconto delle vie della sua storia fino alla nuova realtà dei mercati di migranti. Il “Vasto” rappresenta il luogo di esperienza per l’unione di comunità sociali in una società comune. Ci farà da guida Pierre Preira e Giuseppe Pino Ferraro
La storia di Piazza Nazionale dalla sua costruzione del 1885 a riaffermare nella toponomastica l’idea dell’Unità d’Italia. Piazza Nazionale si apre così alla diramazione delle molteplici vie che prendono nome dalle città del Paese da via Firenze a via Foggia, da via Milano a via Chieti … È come l’Unità delle strade delle città d’Italia. Per chi vi abita “piazza Nazionale” non è solo la piazza, ma rappresenta l’intero agglomerato del Vasto che richiama i Marchesi d’Avalos del Vasto ma richiama anche un luogo non abitato, spopolato. Ed è con gli anni del Risanamento che si organizza l’edificazione dell’intera zona. Seguiremo i passi della storia del luogo, l’intrecciarsi della via “delle Puglie” fino alla Porta Capuana dove convergeva la via della filiera dei paesi capuani e casertani. Piazza Nazionale era come il luogo di snodo prima di mercato, poi industriale fino all’assetto attuale. Il “Vasto” in contrasto con il significato della parola è una delle zone più popolate della città, a ridosso com’è della Stazione Centrale facendosi un luogo di approdo.

ANNAMARIA GHEDINA
direttore Responsabile de “lo Strillo” ed autrice, tra gli altri, del best seller “Fantasmi a Napoli” e “Guida ai Fantasmi d’Italia” conosciuta con il soprannome di Lady Ghost presenta Castel Capuano
uno dei palazzi storici della nostra città raccontandoci la sua storia, gli amori che nei secoli lo hanno visto protagonista e che ancora aleggiano dietro le sue mura.

GIGI E ROSS – ORESTE CICCARIELLO 
Attori
presentano La maledizione dell’acciaio.
Il pontile di Bagnoli è materializzazione di speranza. Si lancia dentro al mare, cercando di scappare da quel pezzo di terra che non gli rende completamente giustizia, ma ci resta comunque saldamente aggrappato quasi a voler dare a quella terra una via di fuga. Una passeggiata sul pontile renderà i partecipanti unici e appagati spettatori di uno spettacolo naturale perfettamente armonioso in cui l’orizzonte sembra, per una volta, farsi un po’ più raggiungibile.

PAOLO GIULIERINI
direttore MANN
presenta Dalle collezioni permanenti alle esposizioni temporanee
Raccontare l’amore non soltanto grazie alle straordinarie opere del Museo Archeologico Nazionale, ma anche viaggiando attraverso la magia della passione espressa nella mostra “Mortali Immortali. I tesori del Sichuan nell’antica Cina”: tra Oriente ed Occidente, sempre partendo dal MANN, il Direttore Paolo Giulierini riscoprirà l’Archeologico rintracciando il filo rosso che collega le collezioni permanenti e le esposizioni temporanee in programma.

TANO GRASSO
presenta I bei luoghi LIBERATI.
Una passeggiata con Tano Grasso attraverso i luoghi anelanti alla “legalità”.
Dalla palestra Kodokan fino a Porta Capuana.

PEPPE IANNICELLI
giornalista televisivo e sportivo
presenta lo stadio San Paolo 
accompagnando i partecipanti nei meandri del tempio del calcio a Napoli con una visita che durerà 90 minuti… quanto una partita di calcio

PAOLO IORIO
Direttore del Museo Del Tesoro di San Gennaro e neo direttore del Museo Filangieri presenta Il Museo Filangieri ed il Museo del Tesoro di San Gennaro.

MICHELANGELO IOSSA
Press-agent, giornalista/scrittore, ricercatore universitario
Presenta Che mi hai portato a fare sopra a Posillipo?
Napoli al mare: la nascita della balneazione a Napoli. Un racconto tra storia, canzoni e citazioni. Tappe _ Largo Sermoneta | Sea Garden – Circolo Relax | Bagni Elena | Palazzo Donn’Anna
Ogni tappa viene arricchita da citazioni storiche, aneddotiche.

BRUNO LEONE 
(Pulcinella)
Visita all’ex Oratorio di Santa Maria della Fede, storia e descrizione degli ambienti, dell’esperienza di autogestione da parte di comitati e associazioni di cittadini. I partecipanti potranno assistere allo spettacolo del Maestro Bruno Leone “PULCINELLA CUNTANAPOLI”, storie di Partenope, Virgilio, Santa Patrizia e Spaccanapoli.

UGO LEONE
Già ordinario di politica dell’ambiente ed ex presidente del Parco Nazionale del Vesuvio
presenta Napoli tra due vulcani: il Vesuvio e i Campi Flegrei
dal Parco Virgiliano le vedute sul Golfo di Napoli e sui Campi Flegrei.

CHRISTIAN LEPERINO
artista
presenta I luoghi dell’anima fuori le mura
Leperino, pittore e scultore, accompagnerà i partecipanti in un viaggio “emotivo” attraverso luoghi che hanno profondamente inciso sul suo più recente immaginario artistico, accogliendoli anche all’interno della chiesa di S. Maria della Misericordia, da lui sottratta al degrado dell’abbandono e trasformata in un centro per le arti contemporanee. La chiesa sorge quasi al termine dell’antico percorso delle acque che dal colle di Capodimonte si spingevano fino all’area dei “Vergini”, scelta sin dai tempi della polis greca come luogo di eremitaggio e di sepoltura dei defunti, appena fuori dalla cinta muraria che la separava dalla città dei “vivi”.

ANNA PAOLA MERONE
Giornalista del Corriere del Mezzogiorno – Corriere della Sera
presenta A passeggio nella Napoli di Goethe, Picasso e Oscar Wilde alla scoperta dei luoghi, delle atmosfere e delle suggestioni che hanno conquistato e profondamente segnato alcuni dei protagonisti della scena culturale internazionale che a Napoli hanno trovato ispirazioni che si sono riversate nelle loro opere. Una passeggiata sulle orme di tre  grandi personaggi per vedere la città attraverso i loro occhi.

CARLO MORELLI
maestro e direttore del Coro “Ad Alta Voce”
presenta La chiesa di San Potito.
Il tempio seicentesco di via Salvatore Tommasi, a pochi passi dal Museo Archeologico, ha riaperto dopo circa 20 anni ed è stato assegnato dal cardinale in comodato d’uso all’associazione “Ad alta voce” dietro l’energica guida del maestro Carlo Morelli.

GIUSEPPE MORRA
Proprietario e gallerista d’arte
presenta I ciceroni si raccontano – Vigna San Martino.
Una Passeggiata per l’antica Vigna San Martino, verde collina nel cuore della città, ai piedi della maestosa certosa trecentesca, oggi monumento nazionale. La Vigna dei monaci di San Martino appare in tutte le immagini di Napoli da almeno sei secoli, grandioso frammento di verde miracolosamente sopravvissuto al saccheggio edilizio, visibile da qualunque parte si guardi la città. Un esempio di straordinario valore paesaggistico che si è riusciti a preservare e a rigenerare, anche sotto il profilo funzionale, riattualizzando un pregevole frammento di paesaggio antico già destinato a vigneto ed oggi tornato ad essere tale.

MARCO PERILLO
giornalista e scrittore
presenta Dracula e altri misteri nel cuore della vecchia Napoli.
un tour alla scoperta di uno dei luoghi più enigmatici della città: la presunta tomba di Vlad III di Valacchia, passato alla storia come il conte Dracula. Si parte dal chiostro della chiesa di Santa Maria la Nova, per proseguire l’itinerario in piazzetta Ecce Homo e fino ai Banchi Nuovi, passando per il leggendario palazzo Penne e parlando della leggenda relativa al demonio. Il tour, ammirando la cappella Pappacoda, altro gioiello medievale, termina in piazza San Domenico Maggiore raccontando della presenza degli arcangeli contrapposti alle forze del male.

FRANCESCO PINTO e GIUSEPPE MESSINA
Direttore Sede Rai di Napoli e Responsabile didattica
presentano la Rai  di Un Posto Al Sole
illustrando ai partecipanti alcuni spazi del Centro di Produzione Rai di Napoli. Saranno presenti eccezionalmente sul set alcuni dei maggiori protagonisti della serie TV Un Posto al Sole.

IVO POGGIANI
presidente Municipalità 3
presenta STREET ART.
Il murales in foto si chiama “Luce”. Il lavoro è stato realizzato durante un workshop, assieme ai dei bambini del quartiere, da Tono Cruz sulla parete del palazzo di piazza Sanità utilizzando unicamente il bianco: un punto di luce per il quartiere, un faro che mai si spegne e porta allegria e energia buona, nel rispetto del colore originario della facciata, lasciato a vista per difendere e valorizzare la memoria storica del luogo. L’obiettivo di “Luce” è quello di creare spazi di dialogo e incontro, dove nuove sinergie possano incontrarsi e fare comunità, e di recuperare spazi del quotidiano per riappropriarsi dei luoghi in maniera collettiva e condivisa. Questo murale non ha un autore, l’autore è il quartiere stesso, e tutti coloro che hanno creduto nella sua fattibilità.
Luce è una delle tante opere realizzate negli ultimi anni in giro per il quartiere da artisti provenienti da ogni parte del mondo. Ogni murales ha una sua storia, ma tutti vengono uniti da un filo rosso di riscatto e amore per il territorio.

ALDO PUTIGNANO
giornalista e scrittore
presenta Il Maschio Angioino – un nuovo castello per Napoli.
Una introduzione storico-architettonica di quello che fu nei secoli scorsi luogo di eventi importantissimi della nostra storia.

MARTIN RUA
Studioso di religioni, massoneria e scrittore
AGNESE PALUMBO
Scrittrice e giornalista
presentano La Cappella San Severo.
Gli autori, nonché guide turistiche, ci condurranno in un viaggio alla scoperta dell’“Amore Alchemico: il messaggio segreto del Principe Raimondo de Sangro”.

PIERANTONIO  TOMA
giornalista, scrittore ed autore di canzoni
presenta Dalla Villa Mon Plaisir al Circolo Posillipo tra sport società e cultura.
La storia Circolo Nautico Posillipo, uno dei più blasonati al mondo, dal 1925, data della fondazione, ad oggi.

GIANNI VALENTINO
poeta-performer / scrittore / giornalista
presenta Ammore e canzoni: da Core ‘ngrato a LIBERATO.
La passeggiata con Gianni Valentino, poeta-performer / scrittore / giornalista fa risorgere le storie della canzone napoletana. Da Porta Capuana ai Quartieri Spagnoli.

MARCO ZURZOLO
sassofonista, compositore e arrangiatore
presenta Le Terme Romane di Via Terracina.
Uno dei musicisti partenopei più apprezzati a livello internazionale, con l’ausilio di una guida turistica della Regione Campania e la melodia del suo sassofono, ci accompagnerà nella visita di un impianto termale di epoca romana perfettamente conservato.

Eventi speciali:
Un evento eccezionale, più che un’eccezione:
MOSTRA I DE FILIPPO – IL MESTIERE IN SCENA 
Castel dell’Ovo Visite guidate alla mostra con gli attori “eduardiani”.
Nella mattina di sabato 16 febbraio, MARISA LAURITO farà da guida eccezionale alla mostra raccontando anche la sua personale esperienza di lavoro con Eduardo. MARINA CONFALONE e NELLO MASCIA condurranno delle visite speciali alla mostra ‘I De Filippo – il mestiere in scena’ ricordando le personali esperienze che li legano al Maestro Eduardo De Filippo.
Per l’occasione il prezzo della mostra è di 10 euro a coppia.
Inoltre per tutto il weekend il castel dell’Ovo che ospita la mostra sarà illuminato da una videoinstallazione che celebra l’amore di Napoli per i De Filippo.

“CAPODIMONTE TRA LE MANI”: ITINERARI TATTILI AL MUSEO E REAL BOSCO DI CAPODIMONTE
Domenica 17 febbraio 2019 alle ore 11.00 Giovanna Garraffa e Maria Rosaria Sansone del Museo e Real Bosco di Capodimonte propongono un itinerario di tipo tattilo-narrativo alla scoperta degli Appartamenti Reali e della Galleria delle Arti a Napoli: “Capodimonte tra le mani” che fa parte della rete “Napoli tra le mani” realizzata in collaborazione con il Servizio di Ateneo per Attività di Studenti con Disabilità (SAAD) dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.
Gli itinerari tattili iniziano all’atrio del piano nobile, con i busti raffiguranti Le Stagioni, anticamera degli spazi che ospitano la Collezione Farnese; si prosegue con il prezioso Tabernacolo in bronzo dorato e pietre dure a forma di tempietto disegnato da Cosimo Fanzago, per poi concludersi nello spazio fisico e acustico del Salone delle Feste, luogo prediletto per balli e ricevimenti.
Mentre al secondo piano, la visita tocca il busto in bronzo raffigurante Ferrante d’Aragona di Guido Mazzoni, continua con la descrizione della Flagellazione di Cristo del Caravaggio e termina davanti al grande Cretto Nero di Alberto Burri.
I percorsi tattili del Museo e Real Bosco di Capodimonte si inseriscono nelle attività di promozione dell’accessibilità alla cultura e al patrimonio storico artistico del territorio che la rete Napoli tra le mani promuove fin dalla sua costituzione, mirando così a migliorare la fruizione e la conoscenza dei luoghi d’arte della rete. I percorsi sono una realtà concreta già da 6 anni con una media di 8 visite all’anno.
Per prenotazioni inviare mail a napolitralemani@gmail.it  o telefonare allo 081 2522371

Sabato 16 Febbraio 
ESPLORANDO IL BORGO OREFICI
Gli artigiani dell’Antico Borgo Orefici vi accoglieranno per raccontarvi la storia e le tradizioni dell’arte orafa a Napoli ed accompagnarvi nella visita del Museo dell’Arte Orafa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here