• Mar. Nov 24th, 2020

Agro Today

News e informazione del tuo territorio

Il presidente dell’Anci Campania: ‘Ok al coprifuoco con prefetto e questore’

DiRedazione

Ott 19, 2020

“Noi sindaci siamo pronti ad assumerci tutte le responsabilita’, e a realizzare il coprifuoco cosiddetto locale, ma insieme a prefetti e questori, che devono coordinare l’azione. Le osservazioni dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) andavano in questa direzione, ed e’ positivo che il Governo ne abbia in parte tenuto conto. Resta pero’ la nostra esplicita e ferma richiesta di coinvolgere le prefetture”. E’ quanto afferma Carlo Marino, sindaco di Caserta e presidente di Anci Campania, che come quasi tutti gli altri colleghi primi cittadini, e’ preoccupato per la previsione normativa che consente il coprifuoco anto-Covid nelle citta’; una norma contenuta nel Dpcm licenziato in nottata dal Governo presieduto da Giuseppe Conte. Rispetto alle prime indicazioni dello stesso premier, dal testo e’ scomparso il riferimento ai sindaci, che ieri sera Conte aveva indicato come unici soggetti istituzionali competenti a disporre il coprifuoco, sollevando un coro di proteste da parte dei primi cittadini e dell’associazione che li rappresenta, l’Anci appunto; “ancora una volta si scaricano sulle spalle dei sindaci la responsabilita’ del coprifuoco agli occhi dell’opinione pubblica” aveva commentato polemicamente il presidente nazionale Antonio Decaro (sindaco di Bari). La protesta sembra aver sortito effetto nella notte, quando il testo e’ stato modificato. All’articolo 1 del decreto si legge che “delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, puo’ essere disposta la chiusura al pubblico dopo le 21”. Marino riconosce l’apertura del Governo, anche se nella norma non si parla del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dai prefetti e composto dai responsabili provinciali delle forze dell’ordine e delle autorita’ politiche e militari, che per Marino e per l’Anci dovrebbe l’organismo essere deputato a disporre il coprifuoco. Il Sottosegretario all’Interno con delega agli Enti Locali, Achille Variati, ha pero’ chiarito che “e’ proprio con i Prefetti e nei Comitati Provinciali che si potranno valutare casi particolarmente delicati in cui risultasse necessario, opportuno e possibile chiudere al pubblico strade o piazze”. “Le polizie municipali – spiega Marino – non hanno uomini e mezzi per poter controllare efficacemente il territorio, le forze dell’ordine hanno cosi’ un ruolo determinante; da presidente di Anci Campania, conosco la realta’ di tanti piccoli comuni della nostra regione, se ne contano almeno 300, che hanno un solo vigile urbano o nessuno, perche’ l’unico vigile in servizio arriva a scavalco da altri Comuni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X