0 Condivisioni

Grande successo per la XI edizione de “L’Amore è…” il charity event a favore della Lega Tumori Napoli organizzato da Maridi Communication, quest’anno rivolto a sostenere il progetto “Shatsu: sostegno e recupero psico-fisico del paziente oncologico”.

Ad aprire la serata, svoltasi a Villa Mazzarella, a Posillipo, condotta dalla giornalista Maridì Vicedomini, il fashion show di Jamal Taslaq, stilista palestinese, protagonista applaudito delle passerelle dell’haute couture nel mondo, premiato dal Presidente Lilt Napoli, Prof. Adolfo Gallipoli d’Errico, con la seguente motivazione: “A Jamal Taslaq, lo stilista che viene dalla terra di Cristo, Ambasciatore della Moda interpretata come simbolo della pace nel mondo”.
A seguire il trunk show applauditissimo di “Fatale”, il new fashion brand di Francesca Lenta, fin da bambina appassionata di moda, che da imprenditrice creativa e rampante ha deciso di sperimentarsi in questa nuova mission lavorativa proprio in un periodo complesso, quale quello del post pandemia, ottenendo da subito applausi e consensi dal folto parterre di ospiti partecipanti all’evento.
A chiudere il “quadro moda”, una capsule della collezione Autunno Inverno 2022 /23 di “Umberto Antonelli Pellicceria” con un tripudio di capi pregiati colorati in omaggio all’imminente bella stagione.

Ampio spazio anche allo showbiz con gli special guest premiati dal prof. Gallipoli per il loro talento ed impegno nel sociale, quali: Antonella Morea, tra le interpreti del film “E’ stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino, neo direttrice artistica del “Positano Teatro Festival” in programma a Positano a fine luglio; Giovanni Esposito, volto noto della commedia italiana, di recente brillante protagonista del film “Benvenuti in casa Esposito“ di Gianluca Ansanelli; la cantante e attrice Anna Capasso, impegnata nell’uscita del nuovo singolo, che ha magistralmente interpretato un pezzo celebre dal repertorio classico partenopeo dal titolo “Io ti vurria vasà”. Da rilevare per lo spettacolo, anche la testimonianza di Massimiliano Triassi, titolare di Max Adv Production, che ha brevemente illustrato i suoi prossimi progetti audiovisivi, tra cui un primis una versione originale della tradizionale favola di Pinocchio dal titolo “ Pinocchiocchio”, una serie tv di 10 puntate articolata in una fiaba napoletana con un inusuale protagonista, un burattino di terracotta, realizzato dai maestri artigiani di San Gregorio Armeno.

Non solo spettacolo, declinato nei suoi più affascinanti segmenti, ma anche autorevoli esponenti dell’Health & Wellness, tutti insigniti dal prof. Gallipoli d’Errico: da Maria Luisa Conza biologa, farmacista, nutrizionista, direttrice scientifica della start up del benessere Antur, a Domenico Monda, noto odontoiatra, particolarmente sensibile al rispetto dell’igiene e della sicurezza nell’esercizio della sua professione secondo i dettami normativi dell’OMS , molto noto anche nel mondo dello spettacolo e non caso definito “il mago dell’estetica del sorriso”. Grande attenzione in campo medico scientifico anche per “Lemonade. Care”, un progetto di telemedicina fondato da Samir Mastaki, anch’egli premiato da Gallipoli, imprenditore internazionale specializzato nel settore tecnologico e nel privat equity, sviluppato in collaborazione con l’Ospedale di Stato della Repubblica di San Marino; nella circostanza ed in linea con il concetto di “rinascita post pandemia”, Mr. Mastaki ha presentato il progetto “Baby Well”, in fase finale di certificazione da parte del Ministero della Salute italiano, rivolto al tema della gravidanza, che consiste nel fornire alle mamma in attesa ed al ginecologo curante uno straordinario sistema di “controllo e consulto” a distanza, ottimizzando il tempo utile di entrambi. Infine, in tema di sana nutrizione funzionale al perseguimento dello stato di benessere dell’individuo , da rilevare la partecipazione alla manifestazione di due brand di alto profilo: “Dolce e Caffè” di Aniello Esposito, che ha proposto un festival di delicatezze secondo l’antica tradizione della pasticceria campana, e “La Botteghella” di Vincenzo Tammaro con i suoi prodotti caseari al tartufo.

0 Condivisioni