Giovani scrittrici alla Ubik: Marzia Sicignano con “Io, te e il mare” ( di Claudia Squitieri)

0
49

Alla Ubik di Nocera Inferiore l’esordiente Marzia Sicignano ha presentato “Io, te e il mare”, edito da Mondadori per raccontare un Amore, il primo, quello che si ricorderà proprio perché identificato con il numero 1.

Marzia è giovanissima e ha le idee molto chiare su ciò che le piace fare, e la scrittura è sicuramente un’esigenza a cui ha iniziato a dedicarsi utilizzando i social dove, inizialmente e in forma anonima, riportava i pensieri di una ragazza con la voglia di comunicare.

Molti coetanei hanno iniziato a riconoscersi in quelle parole che esprimevano un comune sentire e i followers sono aumentati e l’hanno resa riconoscibile e apprezzata sulla piattaforma digitale. “Scrivo ciò che sento” dichiara Marzia e confessa di aver temuto di non incontrare il gusto del lettore, fino a quando la Mondadori l’ha contattata per incontrarla; da quella conoscenza è nato il libro che ha riscosso il successo sperato.

Lo stile della narrazione è particolare, alla prosa si alterna la poesia e il racconto diventa il mezzo per affrontare altre sfaccettature dell’esistenza, perché “in un libro ci sono tante storie e non la storia”, come sostiene l’autrice.

È interessante ascoltare l’approccio al sentimento dell’amore da parte di una giovane scrittrice che non ha timore nel riconoscersi vulnerabile quando l’amore bussa alla porta

Siamo abituati a credere che per i molto giovani il sentimento con la A maiuscola, rappresenti unicamente l’ebbrezza irripetibile che sconquassa l’equilibrio; convinti che l’amore renda invulnerabili, e la sensazione di sentirsi sospesi come in una bolla, azzeri tutto, anche la paura. Marzia ci dice il contrario, è proprio quello il momento in cui la paura prende il sopravvento perché si è sprovvisti di un qualunque riferimento in grado di contenere quella fragilità che spaventa.

Il mare è un elemento centrale nella vita di Marzia e diventa parte del titolo del libro e metafora dell’amore: calmo quando l’amore è gioia, tempestoso quando l’amore inciampa e increspa le emozioni.

Una storia ricca di sfaccettature quella proposta dall’autrice, in cui l’amore diventa anche il modo per dimostrare la difficoltà dei giovani di riappropriarsi dei propri sogni, spesso taciuti ai “grandi” che impongono stili di vita distanti da quelli dei propri figli, divenendo solo voci distanti che da echi lontani si perdono nel silenzio.

                                                                                                         Claudia Squitieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here