Caro Illustre concittadino di Nocera Superiore, altro che barzellette, anche ieri mi son detto “io speriamo che me la cavo”!!

Non esiste politica che tenga dinanzi alla promiscua ammucchiata che persegue nel disperato intento di proseguire su di una carretta che ormai non può più andare avanti.

Eccezion fatta per un solo distinguo, mi consentirete da cittadino, quale sono, dire che ieri si sono consumate le ennesime scelte non proiettate all’interesse della collettività.

Ho visto la certificazione del Funzionario Responsabile dell’Area Ambiente che ha attestato quello che tutti sanno, ma che nessuno evidenzia, ovvero per il conferimento in discarica nessuno effettua la pesatura ed i relativi controlli sui rifiuti … e purtroppo questo lo avevamo già detto!!

Ho visto approvare schemi per la realizzazione di opere pubbliche in località Pareti Pucciano, dimenticandosi di precisare che l’area di sedime dove l’opera viene fatta deve essere trasferita al Comune, altrimenti tra qualche anno ci saranno ulteriori contenziosi, per non parlare dell’assenza dei requisiti oggettivi e soggettivi dell’affidatario, che all’attualità, per quanto risulta dagli atti, non è neanche proprietario dell’area su cui si dovrebbe realizzare l’allargamento, avendo sottoscritto con la effettiva proprietà un mero preliminare condizionato, con previsione di opere a realizzarsi (allargamento della strada) che dovrebbero essere consegnate al Comune senza, però, l’area di sedime su cui sorgono, sovvertendo le regole della proprietà di cui al codice civile !!

Si è approvato un Protocollo di Intesa con l’azienda da sempre avversata, tanto da diventare il cavallo di battaglia delle campagne elettorali di questa amministrazione, perché ritenuta responsabile di tante cose negative, di tanti mali oscuri che aveva causato in danno del paese, la famigerata Castalia, concessionaria dall’anno 1988 e sempre pronta per tutte le stagioni elettorali, oggi, di contro, diviene l’azienda che salverà la città, affidandole la gestione nell’interesse del Comune di svariati milioni di euro, quasi sette attualmente, senza alcuna procedura ad evidenza pubblica, mantenendo in vita la convenzione dell’anno 1988.

Passano gli anni per tutto non per quella cartula convenzionale, a cui però si è aggiunto un lodo arbitrale, in quel di Roma, i cui effetti ed i cui limiti oggettivi non è dato conoscere!!

Infine si riconoscono € 200,000,00 di debiti fuori bilancio, sempre per i preziosi rifiuti, per il pagamento di fatture in favore di una società in liquidazione, in ordine alle quali il Funzionario competente attesta, candidamente “non è stata reperita agli atti la relativa determina a contrarre che fissava le condizioni e le modalità del servizio tanto meno un valido impegno di spesa …”, compiacendosi del “risparmio” ottenuto in favore della città.

Credo che allora dobbiamo veramente fare delle riflessioni, anche perché si diceva una volta “se non hai le carte apposto non ti pagano”, questa regola, a quanto sembra di capire, non risulta più vigente nel Comune di Nocera Superiore. 

Ringraziando l’Illustre politico che ieri mi ha chiamato reiteratamente in causa nel Consiglio Comunale, gli chiedo di farsi ulteriormente portavoce della necessità del chiesto incontro con il Sindaco, invitando anche il Presidente del Consiglio, che sembrava glissare sull’argomento, al fine di dipanare e chiarire tutte le criticità e stranezze che stanno caratterizzando, in questo triste anno, la gestione del Comune di Nocera Superiore.

Infine voglio sottolineare che essere riusciti a trasmettere il Consiglio Comunale su YouTube non è stata un’impresa da premio Nobile, visti i complimenti nell’aula consiliare sprecati per il solo fatto che qualcuno, che prende circa 20.000,00 all’anno, ha finalmente fatto il suo dovere di convenzionato, quello di curare le comunicazioni esterne dell’ente.

Per concludere dedico al mio amato paese, Nocera Superiore, la nota Canzone di Cocciante, che invito i meno giovani ad ascoltare, dal titolo “Era già tutto previsto”, perchè “Era già tutto previsto Fino al punto che sapevo Che oggi tu mi avresti detto Quelle cose che mi dici Che non siamo più felici”! 

Speriamo che la luce del Natale possa illuminare le menti di chi ci amministra. Buone Feste a tutti

ALFONSO ESPOSITO