5 Stelle con numeri notevoli quasi in tutto l’Agro: è, probabilmente, la vera sorpresa dell’analisi territoriale del voto nazionale, uno spunto da tenere in considerazione.

Ad Angri il Movimento è il primo partito per preferenze seguiti da Fratelli D’Italia. Buona affermazione anche di Forza Italia che quasi appaia il PD sonoramente bocciato. Bocciatura a Scafati per Fratelli D’Italia, quasi raddoppiati dai Cinque Stelle (eppure il sindaco Salvati è espressione del partito della Meloni). Male il Pd. 

A Nocera Inferiore i Cinque Stelle sono la prima forza seguiti da Fratelli D’Italia, male il Pd che tre mesi fa avev portato al trionfo Paolo De Maio. Pagani, roccaforte di Fratelli D’Italia che ha come riferimento l’ex sindaco Alberico Gambino e l’onorevole Cirielli, segnala  i Cinque Stelle superare, seppure di poche decine di voti, il partito della Meloni. Sarno è una caporetto per i Dem che hanno come riferimento il sindaco Giuseppe Canfora sonoramente sconfitto da Cinque Stelle e Fratelli D’Italia

I pentastellati prevalgono anche a San Marzano sul Sarno dove Fratelli D’Italia è in amministrazione. A San Valentino Torio, col sindaco Michele Strianese, anche presidente della Provincia di Salerno e uomo fedele alla famiglia De Luca deve cedere il passo a Fratelli D’Italia. Corbara vota il Partito della Meloni, che stacca Movimento Cinque Stelle e i Dem. Fratelli d’Italia si afferma come prima forza a Sant’Egidio del Monte Albino città del candidato Nunzio Carpentieri. A Castel San Giorgio, il Pd non frana grazie alla presenza della candidata-sindaca Lanzara.