Con un colpo di testa su calcio d’angolo al minuto numero 92 la Scafatese riesce a superare il Faiano e conquista la quarta vittoria consecutiva in campionato che le permette di superare proprio la compagine salernitana e di rimettersi a ridosso delle prime della classe.
Dopo la vittoria in extremis di domenica scorsa Liquidato è costretto a rinunciare non solo a Tagliamonte, espulso nel finale del match con il Lioni, ma anche a Alvino, nuovamente fermo ai box per infortunio; dall’altro lato del campo la compagine di Serrapica si presenta con addirittura un punto in più rispetto ai canarini, segno dell’ottimo inizio di stagione che si riflette anche sul primato di Troiano nella classifica marcatori.
Fin dalle prime battute è la Scafatese a rendersi pericolosa con le conclusioni di Cavaliere prima e Mascolo poi, mentr al 13′ a Costantino manca pochissimo per il guizzo sulla ribattuta di Senatore.
al 20′ buona transizione offensiva degli ospiti che si conclude con il tiro di Irpino parato da Botta, ma è una delle poche sortite offensive dei neroverdi che poi continuano a subire il gioco della Scafatese, seppur riuscendone a limitare i tiri verso lo specchio soprattutto nella prima frazione. Al 29′ Esposito ruba benissimo il tempo a Pellegrino e fa ripartire l’azione, Evacuo ricama di sponda e Napolitano prova un destro che termina di poco a lato; lo stesso Napolitano spara di poco alto anche al 44′ dopo che Senatore smanaccia un cross di Manzo, mentre il primo tempo si chiude con il tentativo di destro a giro di Mascolo che però non impensierisce  Senatore.
A inizio ripresa cambiano le carte in tavola: Liquidato pesca dal mazzo Ferrentino, schierato al posto di Mascolo, nel tentativo di poter dare maggiore pericolosità tra le linee, mentre Serrapica inserisce D’Auria ma è costretto a rinunciare al portiere Senatore, sostituito dall’under Barone. Proprio due dei nuovi entrati si mettono subito in mostra, con Ferrentino che tenta il fendente sinistro, specialità della casa, e Barone che risponde prontamente.
La Scafatese alza il baricentro nel tentativo di sbloccare il match e ci riesce al 50′ quando Evacuo corregge in rete il cross di Trezza, ma la bandierina alta del secondo assistente annulla la prodezza del centravanti giallobleu. Entra in campo anche Galasso che si rende pericoloso al 72′ ma la vera palla gol arriva al 76′ quando Napolitano si inventa una giocata da capogiro all’altezza della linea di fondo, elude completamente l’intervento del suo marcatore e prova a servire Evacuo, ma il pallone viene respinto da Ietto e pochi centimetri dalla porta.
Aumenta i giri del proprio motore la Scafatese che, spingendo in avanti, comincia a fare collezioni di calci d’angolo; i tiri dalla bandierina saranno ben otto per i canarini, ma è solo l’ultimo quello decisivo, ovvero quello in cui Davide Evacuo, da bomber di razza, riesce a sentire l’odore del sangue e del gol, quello del definitivo 1-0 che vale tre punti pesantissimi.
SCAFATESE: Botta 04, Trezza, Esposito, Masullo, Di Pasquale 03 (65′ Galasso 03), Cavaliere, Manzo (65′ Iommazzo), Costantino (45′ Canale), Napolitano (80′ Iovinella), Evacuo, Mascolo (45′ Ferrentino).
A disposizione: Cappuccio 03, Iovinella, Iommazzo, Canale, Zatico 04, Senatore 04, Ferrentino, Bozzaotre, Galasso 03. All: Liquidato Stefano
FAIANO: Senatore (45′ Barone), Alfano, Consiglio, Cissé, Somma 04, Ietto, Irpino (58′ Grande), Erra, Pellegrino, Troiano (81′ Lucignano 04), Bove (45’D’Auria). A disposizione: Barone 03, Grande, Galiano, Sangiovanni 03, Ait Ouabou 04, D’Auria, Lucignano 04, Farina 03, Sebbouh.
All: Serrapica Giovanni
RETI: 92′ Evacuo
Arbitro: Alessio De Cicco di Nola
Assistenti: Luigi Porcelli e Maria Vittoria Ievoletta di Benevento
Note: Ammoniti: Ferrentino (S), D’Auria (F), Iommazzo (S), Evacuo (S). Calci d’angolo: 8-1.