0 Condivisioni

Partita a senso, nel segno dei marzanesi ed in particolare della scatenato Meloni, che ormai punta quota 40 gol in stagione, obiettivo raggiungibile se il San Marzano di Pirozzi andrà fino in fondo alla fase nazionale playoff di Eccellenza che assegnerà posti aggiuntivi per la D. Prima tappa ad Angri con la ReggioMediterranea domenica prossima, ritorno tra due domeniche dalle parti di Reggio Calabria. Cammino opposto a quello dell’Angri, che comincerà sul campo lucano della Vultur Rionero per poi giocarsi in casa il ritorno del primo doppio scontro. 

 

La gara non inizia su ritmi forsennati, e mentre la prima palla gol è per Napolitano che recupera la sfera a centrocampo e cerca di sorprendere il portiere avversario con un tiro da oltre 40 metri, neanche un giro d’orologio completo ed è Meloni a sbloccare il punteggio. Ottima azione del San Marzano con lo scambio chiesto ed ottenuto dall’attaccante blaugrana che nonostante la posizione defilata ha battuto l’estremo difensore Landi. Nonostante lo svantaggio il Savoia non prova a spingere, anche perché forse si fa sentire l’assenza in attacco di Esposito, squalificato per quattro giornate dal giudice sportivo. Con Palladino quasi inattivo, Pirozzi è costretto a sostituire Camara per infortunio, con un perno del centrocampo come Lettieri in panchina proprio perché non al meglio. Al suo posto entra Marotta, e dopo che i locali hanno avuto un paio di occasioni per il raddoppio, è proprio il neoentrato a griffare la rete del 2-0. Lancio lungo dalla difesa, l’attaccante taglia bene al centro e con un tocco da fuori area disegna un pallonetto che batte nuovamente Landi. Orefice ha subito l’occasione buona per accorciare le distanze, ma dall’altra parte anche Spinola va vicino al gol che avrebbe potuto mandare in rete tutto il tridente di casa.

Nel secondo tempo il Savoia con i cambi di Borriello e De Stefano prova a ridisegnare il proprio undici per provare a riaprire la contesa. Ma ancora una volta, al primo affondo è il San Marzano ad andare per la terza volta in rete. Questa volta Marotta si traveste da assistman, addomestica il pallone sulla linea di fondo e mette al centro un pallone dolcissimo. Sul secondo palo è tutto solo Meloni – davvero una grave dimenticanza per la difesa ospite – che di testa può appoggiare la sfera in rete. Con il risultato piuttosto rotondo, mister Pirozzi opta per delle sostituzioni tra cui proprio Meloni. Al 65′ però, il Savoia cerca di riaprire il match. Su un pallone profondo Trimarco viene steso da Palladino ed è rigore. Ammonito il portiere che viene poi spiazzato dal rigore battuto dallo stesso Trimarco. La reazione degli oplontini dura però poco, e al 77′ Marotta ha sui piedi il possibile gol del poker. Servito sul filo del fuorigioco, tenta il tiro a giro di sinistro appena dentro l’area ma la palla finisce tra le braccia di Landi. Portiere che poi evita il quarto gol dicendo di ‘no’ due volte a Liccardi. Nel finale la gara si innervosisce un po’ per i falli del Savoia, ma al triplice fischio parte la festa.

SAN MARZANO-SAVOIA 3-1 (p.t. 2-0)

SAN MARZANO: Palladino, Fernando, Caso, Chiariello, Dentice, Nuvoli, Matute, La Montagna, Camara, Meloni, Spinola. A disp. Grimaldi, Cesarano, De Bellis, Franza, Falanga, Lettieri, Tranchino, Liccardi, Maiorano, Marotta, Potenza, Scoppetta. All. Pirozzi.

SAVOIA: Lnadi, Credendino, Esperimento, Rega, Russo C., Liberti, Foti, Napolitano, Scarpa, Orefice, Trimarco. A disp. Brescia, Russo A., Alfano, Annunziata, Avitabile, Conti, Pisani, Spavone, Vaino, De Rosa, Grieco, Marzullo, Borriello, Catalano, De Stefano, Santoro. All. Carannante.

RETI: 8′ e 58′ Meloni, 42′ Marotta, 65′ rig. Trimarco.

 

0 Condivisioni