Corbara, screening gratuiti per la prevenzione del tumore al seno. L’iniziativa è della Consulta delle Donne

0
124

Corbara, screening gratuito per la prevenzione al tumore al seno- martedì 25 febbraio dalle ore 16 ambulatorio Asl – Piazza Diaz. La Consulta delle Donne, in collaborazione con il Comune di Corbara, l’Asl Salerno e la disponibilità del senologo Cristiano Cremona organizzano martedì 25 febbraio dalle ore 16 , un pomeriggio dedicato a visite gratuite per screening di prevenzione al tumore al seno. Per partecipare è necessario presentare richiesta presso la sede della Consulta delle donne. “L’iniziativa rientra in un ciclo di appuntamenti che abbiamo programmato per consentire alle nostre concittadine migliore consapevolezza delle diverse patologie femminili – dichiara la presidente della Consulta Maria Rosaria Pentangelo. “Rafforzare la rete di assistenza ai nostri concittadini con una costante azione condivisa con le diverse realtà associative del territorio- così il sindaco Pietro Pentangelo – Il tenace impegno assunto per la valorizzazione delle persone nei diversi bisogni ed esigenze sono alla base del nostro agire con diversi progetti già attuati e che continueranno nel corso dei prossimi mesi”.

Secondo le stime AIRTUM-AIOM-Fondazione AIOM ogni anno in Italia vengono diagnosticati 53.500 nuovi casi (53.000 donne e 500 uomini) di tumore del seno. Con questi numeri, la neoplasia si presenta come la più frequente nel genere femminile in tutte le fasce di età. Grazie, però, ai continui progressi della medicina e agli screening per la diagnosi precoce, nonostante il continuo aumento dell’incidenza (+0,9 per cento ogni anno), di tumore del seno oggi si muore meno che in passato, tanto che la mortalità fa segnare un calo del 2,2 per cento ogni anno. Circa 9 donne su 10 (87 per cento) sono vive dopo 5 anni dalla diagnosi di tumore mammario e 8 su 10 (80 per cento) lo sono a 10 anni dalla diagnosi.
Sono stati identificati molti fattori di rischio per questo tumore, alcuni modificabili, come gli stili di vita, altri invece no, come l’età (la maggior parte di tumori del seno colpisce donne oltre i 50 anni) e fattori genetici e costituzionali. Tra gli stili di vita dannosi si possono citare, per esempio, un’alimentazione povera di frutta e verdura e ricca di grassi animali, l’abitudine al fumo e una vita particolarmente sedentaria. Ci sono inoltre alcuni fattori legati alla vita riproduttiva che possono influenzare il rischio di tumore del seno: un periodo fertile breve (prima mestruazione tardiva e menopausa precoce) e una gravidanza in giovane età sono protettive, così come l’allattamento al seno.
Il 5¬7 per cento circa dei tumori della mammella è ereditario, legato cioè alla presenza di mutazioni nel DNA, che in un quarto dei casi interessano i geni BRCA 1 e/o BRCA 2. Secondo i dati riportati nel documento I numeri del cancro in Italia-2019 (AIRTUM-AIOM-Fondazione AIOM), il rischio di ammalarsi nel corso della vita di tumore mammario è pari a circa il 65 per cento per le donne portatrici di mutazioni del gene BRCA 1, mentre la percentuale scende al 40 per cento circa se la mutazione interessa il gene BRCA 2.
La prevenzione del tumore del seno deve cominciare a partire dai 20 anni di età con controlli annuali del seno eseguiti dal ginecologo o da uno specialista senologo, affiancati alla mammografia biennale dopo i 50 anni o all’ecografia, ma solo in caso di necessità, in donne giovani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here