Finisce 0-o il debutto casalingo nel triangolare di coppa contro l’Ercolanese ma le indicazioni positive per la squadra di Criscuolo, priva del nuovo punto di riferimento di centrocampo Ammaturo (indisponibile come l’alternativa d’attacco Buscè e il jolly difensivo Russo), si sprecano. Prima parte del primo tempo in leggera difficoltà contro un avversario con un poker di big: Palumbo, Marzullo, Chiavazzo e Marigliano, proprio quest’ultimo, con una palombella, chiama Scognamiglio a volare e a deviare in angolo. Poi i sangiorgesi crescono e hanno chance interessanti con Procida. Nella ripresa cala il ritmo degli ospiti e sale invece quello dei ragazzi di Criscuolo, pericolosi in alcune combinazioni che chiamano alla ribalta D’Angolo e gli esterni d’attacco. L’azione più pericolosa, tra tacco e punta, vede Procida fare i conti con i riflessi di Capece, Carrafiello arrivare male sulla respinta del portiere e Siano non riuscire ad indirizzare alla perfezionale. Nel finale è bravissimo Scognamiglio ad opporsi alla zampata ravvicinata di Palumbo, servito dall’ex Marrazzo, entrato al posto di un Damiano che c’ha rimesso tre denti per una pallonata fortuita.

Castel San Giorgio (4-3-3): Scognamiglio; Cesarano (35′ st Romano), Raimondi, De Palma (43′ st Anzalone, 47′ st Accarino), Elefante; Siano (35′ st Pepe), Catalano, D’Angolo; Orefice (18′ st Carrafiello), Granato, Procida. A disp: Senatore, Cimmino, Lavorante, Ferrara. All. Criscuolo.
Ercolanese (3-5-2): Capece; Di Giorgio (37′ st Di Maio), Chiavazzo, Fiele; Ceparano, Marigliano, Marzullo (35′ st Ferro), Di Gennaro, Menna; Palumbo, Damiano (30’st Marrazzo). A disp: Cafariello, Infimo, Langella, Di Zazzo, Valido, Galano. All. Di Pasquale.
Arbitro: Aprile di Caserta (assistenti Arcella e D’Afiero di Frattamaggiore).
Note: spettatori 300 circa con rappresentanza ospite. Ammoniti: Di Gennaro, Menna. Angoli: 0-8. Recupero: 0’pt. 4’st.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 6 persone, persone che praticano sport e erba