Domenica 10 luglio 2022, dalle ore 8,00 alle ore 20,00, si svolgerà l’Assemblea di tutti i Consorziati, per procedere, a termini di Statuto e di Legge, alla elezione dei venti componenti del Consiglio dei Delegati. Elezione da non trascurare, visto che consente al singolo cittadino (in regola col pagamento dei tributi) di scegliersi la rappresentanza per i prossimi anni. Nella sola Nocera Inferiore, i potenziali aventi diritto sono oltre 16mila, non rappresentanti in prima battuta nella lista dei sette, capeggiata dal commissario D’Angelo e denominata Insieme si vince, l’unica di Fascia 1 (seggio elettorale a Nocera Superiore). Nocera Inferiore però non starà guardare: nell’interesse cittadino complessivo, ha lanciato la candidatura di Francesco Scarfò, segretario politico cittadino del Pd, ingegnere, ex assessore all’Ambiente. Le comunità interessate sono le seguenti: Angri, Baronissi, Bracigliano, Calvanico, Castel S.Giorgio, Cava De’ Tirreni,Corbara, Fisciano, Mercato S.Severino, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Pagani, Roccapiemonte, S.Marzano Sul Sarno, Sant’Egidio del Monte Albino, S.Valentino Torio, Sarno, Scafati, Siano, Boscoreale, Castellammare di Stabia, Lettere, Palma Campania, Poggiomarino, Pompei, S.Giuseppe Vesuviano, S.Antonio Abate, Striano, Torre Annunziata, S. Maria La Carità, Montoro, Solofra

 

Ai fini delle elezioni dei Delegati, i consorziati sono suddivisi in quattro fasce, a seconda del diverso carico
contributivo. Alla prima fascia appartengono i consorziati tenuti ad un contributo inferiore al rapporto tra la contribuenza consortile totale ed il numero delle ditte consorziate. Alla seconda fascia appartengono i consorziati tenuti ad un contributo superiore al rapporto tra la contribuenza consortile totale decurtata della contribuenza a cui sono tenuti i consorziati della prima fascia ed il numero totale delle ditte contribuenti del Consorzio decurtato del numero di ditte appartenenti alla prima fascia. Alla terza fascia appartengono i consorziati tenuti ad un contributo superiore al rapporto tra la contribuenza consortile totale decurtata della contribuenza a cui sono tenuti i consorziati della prima e della seconda fascia ed il numero totale delle ditte contribuenti del Consorzio decurtato del numero di ditte appartenenti alla prima e alla seconda fascia. Alla quarta fascia appartengono i consorziati che non rientrano nelle prime tre fasce. La contribuenza consortile totale ed il numero totale delle ditte consorziate di cui ai commi precedenti sono desunti dai ruoli dei contributi consortili relativi all’anno precedente a quello in cui vengono indette le elezioni. L’elezione del Consiglio dei Delegati si svolge a scrutinio segreto, contemporaneamente e separatamente, fascia per fascia, su presentazione di liste concorrenti di candidati compresi nella lista degli aventi diritto al voto della rispettiva fascia.

Le liste dei candidati sono presentate da un numero di consorziati non inferiore al 2% degli aventi diritto al voto della fascia, esclusi i candidati. Nell’ambito di ciascuna fascia, il numero dei delegati da assegnare a ciascuna lista, è pari alla percentuale di voti ottenuti dalla lista; in caso di resto, i delegati da assegnare sono attribuiti alle liste con maggiori quozienti. Sono eletti, all’interno di ciascuna lista, i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti preferenziali. Se in una fascia è stata presentata una sola lista di candidati, gli elettori possono dare il voto di preferenza anche ad aventi diritto al voto della medesima fascia, non compresi nella lista presentata. In questo caso, risultano eletti coloro che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Nei casi previsti ai commi 9 e10, a parità di voti, risulta eletto il più anziano di età. Ogni fascia elegge un numero di delegati sul totale da eleggere, percentualmente pari al rapporto tra la contribuenza della singola fascia e la contribuenza consortile totale.

Hanno diritto al voto i componenti l’Assemblea dei consorziati, di cui ai commi 1 e 2 del precedente art. 7, che godano dei diritti civili e siano in regola con il pagamento dei contributi. Ogni membro dell’Assemblea dei consorziati ha diritto ad un solo voto, a meno che non ricopra anche la qualifica di rappresentante legale di persone giuridiche, ovvero di curatore o amministratore di fallimento, secondo quanto previsto al 4° comma del presente articolo. In tal caso ha diritto a due voti distinti. Ogni avente diritto al voto, da esercitarsi nella fascia in cui risulta maggior contribuente, può farsi rappresentare nell’Assemblea dei consorziati, mediante delega, da un altro consorziato iscritto nella stessa fascia e votante nella stessa sezione; non è ammesso il cumulo di più di due deleghe. Non hanno diritto al voto i consorziati persone fisiche che non godono dei diritti civili. Per le persone giuridiche, per i minori e per gli interdetti, il diritto di voto è esercitato dai rispettivi rappresentanti; per i falliti e sottoposti ad amministrazione giudiziaria, dal curatore o dall’amministratore. In caso di comunione, il diritto al voto è esercitato da uno dei partecipanti alla comunione stessa al quale è conferita delega dai titolari della maggioranza delle quote, computandosi anche la quota del delegato. In mancanza di tale delega, si considera quale rappresentante, il primo intestatario della ditta iscritta nella lista degli aventi diritto al voto, con dichiarazione dello stesso di inesistenza di deleghe da parte degli altri titolari della comunione. In ogni caso, i soggetti di cui ai commi 3 e 4 depositano alla segreteria del Consorzio, venti giorni prima della riunione dell’Assemblea dei consorziati, le relative deleghe o atti abilitanti all’espressione del voto. Le deleghe sono conferite con atto scritto e la firma del delegante è autenticata da notaio, segretario comunale o funzionario del Consorzio all’uopo autorizzato

 

I CANDIDATI PER FASCE: manifesto-n.-4-consorzio-bonifica