Carmine Di Loreto conquista l’argento all’ “European Cup” di Judo a Malaga nella categoria 66 kg. Dopo quasi due anni di assenza, a causa di un infortunio, l’atleta ventinovenne di Nocera Superiore è tornato a gareggiare più forte di prima, risultando secondo su 280 atleti provenienti da 28 nazioni. Con Carmine sono saliti sul podio altri quattro atleti italiani: Edoardo Mella (oro nei 73 kg), Luca Rubeca (argento nei 73 kg), Luca Caggiano (bronzo nei 66 kg) e Carlotta Avanzato (bronzo nei 57 kg). «Sono contento di questo risultato, specialmente perché è stato difficile recuperare la forma fisica dopo tanto tempo lontano dagli incontri – racconta Di Loreto –. Sono quasi alla fine della mia carriera atletica. Solitamente si termina intorno ai 35 anni e io ne ho quasi 30. Spero che il mio fisico possa resistere almeno fino alle Olimpiadi di Parigi del 2024». Carmine ha dato la vita per il Judo, che pratica dall’età di tre anni, rientrando in pochissimo tempo a gareggiare come professionista. Negli anni ha collezionato tantissime vittorie, le più importanti sono: il bronzo agli Europei a Porec (2012), il bronzo alla Coppa del Mondo (2012) , il bronzo alla Coppa del Mondo a Mauritius (2015), l’oro ai Campionati Italiani (2016), l’argento alla Coppa Europa a Dubrovnik (2018),l’ oro alla Coppa Europa Bratislava (2019), e i due ori alla Coppa del Mondo a Sofia e a Varsavia (2020). In più dal 2010 a oggi ha vinto varie medaglie d’argento e di bronzo ai Campionati Italiani.