Campania, ambiente e rifiuti, l’assessore Romano a tutto campo

0
289

giovanniromanoPiano Rifiuti e allarme amianto,l’assessore regionale all’ambiente Giovanni Romano a tutto campo quest’oggi con una serie di dichiarazioni e interventi in materia. E cosi prima conferma sostegno a dichiarazioni del commissario europeo Potnik, poi replica al consigliere regionale Caputo per l’allarme amianto, non lesinando stoccate anche al regolamento del consiglio ed infine presenta l’avvio del tavolo di partnernariato per la prevenzione rifuti.

Ma andiamo con ordine.

Sulle dichiarazioni espresse dal commissario europeo Potnik che palesa la necessità di convergenza delle istituzioni per risolvere l’annosa questione ambientale della Campania, Romano afferma che : “La posizione espressa dal commissario UE è assolutamente condivisibile. In assenza di credibili alternative è necessario il piano dei rifiuti e migliorare ancora il livello della raccolta differenziata.” E ancora: “Gli enti locali e il governo – dice Romano – devono lavorare nella stessa direzione. Bisogna agire per garantire la qualità dell’ambiente e la salute.”

Mentre va a muso duro contro le dichiarazioni espresse dal consigliere regionale Caputo che aveva palesato la necessità di una più incisiva azione della Regione in materia di salvaguardia ambientale e allarme amianto e nella specifica vicenda occorsa in consiglio regionale presso la commissione Ambiente.

Cosi Romano: “Mentre era in atto il Question Time era anche in corso, presso la Commissione Ambiente dello stesso Consiglio regionale, l’esame della legge su ‘Misure straordinarie per la prevenzione e la lotta al fenomeno dei roghi e dell’abbandono dei rifiuti’, un provvedimento quanto mai necessario visto quanto sta accadendo nella nostra Regione da oltre un decennio.”

E l’assessore all’Ambiente Giovanni Romano replica nuovamente al consigliere Caputo.

“L’esame del provvedimento, per il quale sono previste risorse per 5 milioni di euro, era alla sua seconda seduta e, con soddisfazione, la Commissione lo ha integrato e migliorato approvandolo all’ unanimità. Non avendo il dono dell’ubiquità era materialmente impossibile che io mi trovassi in due luoghi differenti allo stesso momento.

“Peraltro il disegno di legge in discussione, all’articolo 7, prevede proprio relativamente all’amianto, che la Regione, per pervenire in tempi rapidi ad una piena normalizzazione della situazione, favorire la rimozione e la messa in sicurezza dei rifiuti contenenti amianto e prevenire la pratica diffusa del deposito incontrollato di tali rifiuti, incentivi, sulla base di disponibilità finanziarie a ciò appositamente destinate, gli interventi di competenza dei Comuni in materia di raccolta e messa in sicurezza dei rifiuti contenenti amianto per l’allestimento di siti di stoccaggio dedicati.

E Romano ne ha anche per i regolamenti del consiglio regionale. “E’ comunque doveroso evidenziare che la risposta al consigliere Caputo è pervenuta regolarmente in forma scritta, come previsto. Se avessi scelto di partecipare al Question time piuttosto che alla seduta della Commissione, mi sarei dovuto limitare – ha detto l’assessore Romano – a leggere pedissequamente ciò che era scritto nel testo. Inoltre faccio notare al consigliere che avrei potuto non rispondergli e rinviare l’argomento: il suo quesito è pervenuto ai miei uffici due ore dopo la scadenza dei termini. Non intendo assolutamente minimizzare l’importanza della questione che ha sollevato il consigliere Caputo rispetto alla quale c’è la massima attenzione delle strutture dell’Assessorato, mia personale e del presidente Caldoro. Probabilmente le modalità di regolazione del question-time, almeno per argomenti così rilevanti, vanno riviste per consentire una più efficace azione da parte di chi deve controllare e di chi è tenuto a rispondere.”

Intanto domani lo stesso assessore prenderà parte al tavolo di partnernariato per la prevenzione rifiuti.

Quattordici azioni positive per promuovere e sostenere la raccolta differenziata.”Si terrà domani, venerdì 27, il tavolo regionale del partenariato sul piano per la prevenzione dei rifiuti, finalizzato a determinare una riduzione a monte dei quantitativi prodotti e/o al loro riutilizzo.” “La Giunta regionale ha messo in campo 30 milioni di euro per l’attuazione di 14 azioni “positive”, diverse a seconda della tipologia di materiale, previste nel Piano. Le risorse rientrano nei Fondi ex Fas ottenuti dalla Campania proprio per il miglioramento della raccolta differenziata sul territorio regionale che, ad oggi, ha raggiunto il 50%. “Si tratta, dunque, di una scelta strategica della Giunta regionale, che il 13 settembre ha già preso atto con una apposita delibera dell’importante strumento di pianificazione. Con la convocazione di domani – ha concluso Romano – si apre la fase di consultazione pubblica, come già avvenuto per il Piano di gestione dei Rifiuti urbani e per quello di gestione dei Rifiuti speciali.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here