Ci sarebbe un’accusa di molestie sessuali dietro la sospensione, decisa dalla Federcalcio di Malta, di Devis Mangia dalla panchina della nazionale. A sostenerlo è il ‘Times of Malta’. La federazione aveva comunicato questa mattina la sospensione temporanea dell’allenatore lombardo “a seguito di una segnalazione ricevuta su una presunta violazione delle sue politiche”. Mangia, si legge nella nota, “ha dato la sua piena disponibilità per l’accertamento dei fatti in questione”. Nessun altro dettaglio da parte della federazione. In panchina, questa sera, in occasione dell’amichevole con Israele allo stadio Ta’Qali, a sedere sulla panchina dei maltesi sarà Davide Mazzotta. Secondo fonti citate da ‘Times of Malta’, la Federcalcio di La Valletta ha ricevuto domenica una segnalazione riguardante una “presunta cattiva condotta sessuale” nei confronti di un giocatore della nazionale. Da parte di Mangia, nessun commento ufficiale.

Il tecnico lombardo, ex ct della nazionale italiana Under 21, è arrivato sulla panchina della nazionale maltese nel 2019 ed è legato a un contratto fino a dicembre 2023. Fonti federali hanno riferito che sarà istituito un consiglio disciplinare indipendente per esaminare la questione e dare a Mangia la possibilità di difendersi, sottolineando detto che la questione è stata presa “molto sul serio”. Inoltre, sempre fonti della Federazione citate dal giornale hanno confermato di aver esaminato anche le accuse di cattiva condotta sessuale rivolte a Mangia durante il suo periodo di lavoro in Romania. Il tecnico era stato accusato di avere una “relazione inappropriata” con un giocatore quando allenava l’Università di Craiova. Accuse mosse da un altro ex allenatore, Victor Piturca, suo successore sulla panchina della formazione rumena. Secondo Piturca, Mangia aveva fatto della avances a un giocatore.