“Artenauta Teatro” rilancia le diversità per nuove prospettive (di Claudia Squitieri)

0
77

Presentato da “Artenauta” Teatro il programma della V edizione della Rassegna “L’Essere& l’Umano” al Comune di Nocera Inferiore con la collaborazione del Teatro Pubblico Campano. Presente l’Assessore alle Politiche Giovanili Fortino che ha ribadito l’importanza di dedicare spazi culturali in una città che sta diventando sempre più un polo d’attrazione artistico anche per i comuni limitrofi.

Da febbraio a maggio alle 21, al Teatro Diana in Piazza Guerritore, si susseguiranno 5 spettacoli i cui tratti distintivi saranno la contemporaneità e le diversità. Spazi immaginati per creare momenti differenti, e con peculiarità specifiche che caratterizzeranno l’impostazione scenica e il dialetto parlato per “illuminare delle zone che restano buie e fanno paura” afferma Simona Tortora, Direttore Artistico della Rassegna, perché il teatro è “un’arte che non ci deve migliorare, serve a vedere chi sei, a rifrequentare te stesso. L’Arte dà la possibilità di meravigliarti!”.

E’ proprio questa la forza del gruppo che compone la Compagnia Artenauta che da diversi anni calca le scene, e il cui affiatamento trova origine in questa continua ricerca interiore che diventa riflessione e condivisione.

Si parte l’11 febbraio con lo spettacolo “Anfitrione”, scritto e diretto da Teresa Ludovico, produzione Teatri Di Bari; il 15 marzo “L’Archivio delle anime. Amleto”, di Massimiliano Donato e Naira Gonzalez, produzione Centro Teatrale Umbro;si continua il 12 aprile con “Ranavuottoli”, di Roberto Russo e Biagio Musella, produzione Teatro Bellini in collaborazione con Teatri Associati di Napoli; si conclude con la Compagnia Artenauta teatro “Napoli atto unico”, adattamento e regia di Antonello Ronga e “Cantare alle ossa”, la cui drammaturgia e regia è affidata a  Simona Tortora.

Non resta che aggiungere: “Ci vediamo a teatro!”

Claudia Squitieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here