Non è sempre semplice o possibile ottenere ottimi voti a scuola o all’università e mantenere un rendimento costante nel tempo, ma se si adoperano alcuni accorgimenti si possono ottimizzare le proprie prestazioni.

1) È fondamentale prestare attenzione alle lezioni in aula e prendere appunti per ogni materia su un block notes o un quaderno, ove si è liberi di riassumere, disegnare, schematizzate e fissare concetti e parole chiave da rivedere a casa, anche utilizzando pennarelli es evidenziatori. In questo modo sarà più rapido l’apprendimento e si impiegherà meno tempo per comprendere e fissare la lezione.

2) Evitare di accumulare compiti, capitoli, argomenti per poi ritrovarsi a dover recuperare il tutto in vista di interrogazioni e verifiche. Il segreto è studiare giorno per giorno, adoperando un metodo personalizzato, il più possibile congruo alle proprie esigenze ed attitudini.

3) Non andare mai a scuola impreparato per poi rifiutarsi di parlare all’interrogazione oppure consegnare il compito o la verifica in bianco. Prendere un impreparato equivale ad ammettere non solo di non aver studiato ma anche di non sentirsi minimamente all’altezza di affrontare, in modo maturo, un confronto col docente e con la classe intera.

4) Avere sempre chiaro un calendario delle discipline da studiare e degli argomenti da approfondire in modo tale da non trascurare nessuna materia e non affaticarsi a preparare la lezione, la verifica o semplicemente lo zaino per l’indomani.

5) Non arrivare a fine anno per recuperare insufficienze gravi o meno gravi perché correre ai ripari in tempo è fondamentale per

consolidare argomenti non proprio assimilati e sanare lacune pregresse. Chiedere aiuto in tempo utile a tutor seri ed esperti può scongiurare la bocciatura o l’ essere rimandati a settembre con uno o più debiti. Non scoraggiarsi è il leit motiv che ogni allievo deve tenere presente!

6) Mantenere sempre un atteggiamento responsabile, educato e corretto nei confronti dei docenti, dei compagni di classe e dell’istituzione scolastica tout court perché la buona condotta va di pari passo con la didattica e l’apprendimento. Non si possono avere buoni voti e ottenere bei risultati se ci si comporta male, si fanno assenze ingiustificate o si assume un atteggiamento superficiale sia nella vita che durante il proprio corso di studi.

Annalisa Capaldo